Mef: entrate tributarie stabili rispetto allo scorso anno | T-Mag | il magazine di Tecnè

Mef: entrate tributarie stabili rispetto allo scorso anno

Nel mese di gennaio 2015 le entrate tributarie erariali, accertate in base al criterio della competenza giuridica, ammontano a 32.863 milioni di euro, risultano sostanzialmente stabili rispetto allo stesso mese dell’anno precedente (–0,1%, pari a –48 milioni di euro). Va premesso che il primo mese dell’anno non è particolarmente significativo per l’andamento delle entrate tributarie, sia in termini di ammontare, sia in termini tendenziali, considerata l’assenza di particolari scadenze o di versamenti di importo rilevante.
Le imposte dirette registrano un gettito complessivamente pari a 22.785 milioni di euro, con un incremento dello 0,2% (+54 milioni di euro) rispetto allo stesso mese dello scorso anno.
L’IRPEF segnala una variazione positiva dello 0,3% (+58 milioni di euro), e riflette gli andamenti delle ritenute sui redditi dei dipendenti del settore privato (+3,1%), delle ritenute sui redditi dei dipendenti del settore pubblico (-2,5%) e dei lavoratori autonomi (+5%).
L’IRES presenta un gettito di 154 milioni di euro in calo del 43,6% (–119 milioni di euro).
Tra le altre imposte dirette, l’imposta sostitutiva su interessi e altri redditi di capitale, pari a 643 milioni di euro, cresce del 18,2% (+99 milioni di euro) rispetto allo stesso mese dello scorso anno.
Pe le imposte indirette si registra un gettito pari a 10.078 milioni di euro con una variazione negativa dell’1% (-102 milioni di euro), rispetto al gennaio dello scorso anno.
Il gettito IVA risulta in calo del 3,3% (-164 milioni di euro) per effetto della flessione di entrambe le componenti relative agli scambi interni (-2% pari a -75 milioni di euro) e alle importazioni (-7,2% pari a -89 milioni di euro).
L’imposta di bollo cresce del 34,6% (+177 milioni di euro).
Tra le altre imposte indirette si segnala il calo di 4,1% (-59 milioni di euro) del gettito dell’accisa sui prodotti energetici (oli minerali), e la crescita dei gettiti dell’accisa sull’energia elettrica e addizionali dell’8,5% (+17 milioni di euro) e dell’accisa sul gas naturale per combustione (gas metano) del 5,8% (+18 milioni di euro).
Le entrate relative ai giochi presentano, nel complesso, un calo del 10,2% (-103 milioni di euro).
Più che positivo il gettito relativo alle entrate tributarie derivanti dall’attività di accertamento e controllo pari a 727 milioni di euro, che aumenta del 58% (+267 milioni di euro), rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Sul sito del Dipartimento delle Finanze è disponibile il Bollettino delle entrate tributarie del periodo gennaio 2015, corredato dalle appendici statistiche e dalla guida normativa, che fornisce l’analisi puntuale dell’andamento delle entrate tributarie, e la relativa Nota tecnica che illustra in sintesi i principali contenuti del documento.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 177,1 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 177.124.860. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

17 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Hong Kong, arrestati dirigenti giornale Apple Daily

Il Dipartimento di sicurezza della polizia di Hong Kong ha fatto irruzione questa mattina negli uffici dell’Apple Daily, tabloid pro-democrazia del tycoon Jimmy Lai. Nel…

17 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: «Laboratorio di Wuhan merita premio per la pace»

«L’Istituto di Virologia di Wuhan, sempre al centro dei sospetti sull’origine del Covid-19, meriterebbe il Nobel per la Medicina». Lo ha detto il portavoce del…

17 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nigeria, anche Boko Haram conferma la morte del leader

Boko Haram, gruppo jihadista nigeriano, ha confermato la morte del proprio storico leader Abubakar Shekau deceduto in combattimento contro il gruppo rivale “Provincia occidentale dello…

17 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia