Scende il disagio sociale e consumi verso la risalita | T-Mag | il magazine di Tecnè

Scende il disagio sociale e consumi verso la risalita

carrello_della_spesaL’Italia sembra ormai essersi lasciata alle spalle la fase più negativa della crisi economica. Anche se è ancora presto per parlare di una piena ripresa economica, alcuni fattori fanno ben sperare. Il tasso di disoccupazione è sceso di un decimo di punto, la disoccupazione estesa sembra essersi stabilizzata e i prezzi dei beni e servizi ad alta frequenza di acquisto si sono leggermente ridimensionati.
A gennaio il tasso di disoccupazione è infatti sceso al 12,6%, lo 0,1% in meno rispetto a un mese prima. Per quanto riguarda il numero dei disoccupati, l’Istat nel primo mese dell’anno ha registrato una diminuzione di 21 mila unità rispetto a dicembre. In totale i disoccupati sono tre milioni e 221 mila. Il numero degli occupati è invece salito a 11 mila unità rispetto all’ultimo mese del 2014.
Legando il calo dei disoccupati all’aumento delle ore di Cassa integrazione utilizzate e all’aumento degli scoraggiati (novemila unità in più rispetto a dicembre) si ottiene un tasso di disoccupazione esteso al 16,7%, stabile sul mese precedente e in calo rispetto al 17,2% di novembre.
Sempre a gennaio, il Centro studi Confcommercio segnala un calo dei prezzi per i beni e i servizi ad alta frequenza d’acquisto. Dopo il -0,5% registrato a dicembre, nel primo mese dell’anno i prezzi sono diminuiti di un ulteriore 1,4%.
Una serie di fattori che ha comportato il secondo calo consecutivo del misery index della Confcommercio (l’indice che misura il disagio sociale): già a dicembre l’indice si era attestato a 20,8 punti – contro i 21,9 di novembre –, per poi scendere di altri 0,7 punti portandosi ai 20,1 di gennaio.
Altro fattore che potrebbe indicare un miglioramento della nostra economia è l’andamento dei consumi che sono ora fermi (un passo in avanti, comunque, rispetto alle flessioni dei periodi precedenti), ma che secondo le attese dovrebbero tornare a crescere nei prossimi mesi. Ovviamente la fase di stabilità rilevata anche dalla Confcommercio per la domanda di beni e servizi, indica che la ripresa, se ci sarà, sarà contenuta e che sarà difficile tornare ai livelli del 2012.
Negli ultimi tre anni, secondo quanto rilevato dall’Osservatorio Nazionale Federconsumatori, i consumi sono crollati del 10,7% (un calo che equivale a 78 miliardi di euro di spesa in meno). Guardando solo all’alimentare, da inizio crisi ad oggi, i consumi sono scesi di 11,6 punti percentuali mentre un altro settore vitale, quello della salute, ha visto scendere i consumi del 23,1%. Abbigliamento e calzature hanno invece riportato un calo del 26,9% tra 2008 e 2014, arredamento ed elettrodomestici del 20,2% mentre cultura e tempo libero del 14,2%.
Alla luce di tali dinamiche è dall’ICC (l’indicatore dei consumi della Confcommercio) che arriva qualche speranza. Lo stallo dei consumi emerso a gennaio è il risultato di una crescita dello 0,8% dei beni e servizi per la mobilità, del +0,5% riportato da beni e servizi ricreativi e dal +0,3% di quelli per la casa. Il contraccolpo che ha limitato la crescita dei consumi è arrivato invece dagli alimentari, bevande e tabacchi, scesi dello 0,8% e dai beni e servizi per la persona, scesi dello 0,6%.
Su base tendenziale i consumi di beni e servizi per la mobilità sono cresciuti del 2,4%, mentre quelli per le comunicazioni dell’1,2%. Più lieve invece, dello 0,3%, la crescita registrata da alberghi, pasti e consumi fuori casa. Gli alimenti, le bevande e i tabacchi sono invece scesi dell’1,1%. -0,8% per i beni e i servizi per la casa e -0,8% per gli abbagliamenti e le calzature.

(articolo pubblicato il 6 marzo 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, Biden: «C’è un enorme interesse per avere un grande rapporto con Nato e Ue»

«C’è un enorme interesse per avere un grande rapporto con la NATO e l’Ue». Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, incontrando…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Il virus è più rapido dei vaccini»

«Il virus si sposta più rapidamente della distribuzione mondiale dei vaccini». A denunciarlo il direttore generale dell’Oms, Adhanom Ghebreyesus, invitando i Paesi produttori un maggiori…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, negli Usa 10mila nuovi casi: la California lo Stato più colpito dalla pandemia

Gli Stati Uniti nelle ultime 24 ore hanno registrato 193 decessi e 10.800 nuovi casi.  La California è ora lo stato più colpito dalla pandemia…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina contro la Nato: “Esagerate con la teoria della minaccia”

“La Nato vuole creare scontri”. E’ l’accusa lanciata dalla Cina in seguito all’accordo raggiunto dagli alleati occidentali su un’azione comune di contrasto alle politiche, spesso…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia