Gli italiani e l’epoca delle passioni tristi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli italiani e l’epoca delle passioni tristi

L'anticipazione dell'indagine Tecnè "L’epoca delle passioni tristi. Soli, spaventati e depressi: gli italiani al tempo della grande crisi"

crisi_personeLa crisi economica si riflette sugli aspetti più intimi delle persone. Accentua il divario sociale e crea maggiori condizioni di disagio. Non solo: nell’indagine realizzata da Tecnè il 14% degli intervistati dichiara di sentirsi spesso depresso mentre un altro 15% vive la stessa sensazione, seppur con minore frequenza e intensità. I numeri non misurano la diffusione di una malattia cronica che in Italia, nell’atmosfera densa della crisi economica, ha assunto comunque una dimensione preoccupante (secondo l’Istat il 7,3% della popolazione con più di 14 anni soffre di depressione o ansietà cronica), ma rappresentano l’istantanea di un sentimento di malessere che riguarda quasi un italiano maggiorenne su tre. L’indagine è stata anticipata dall’Adnkronos.
Stando alla ricerca sfiora il 50% la percentuale di quanti dichiarano di provare una sensazione di paura (paura di non farcela a conservare gli standard di qualità della vita attuali o di riuscire a sollevarsi dalla condizione di disagio che vivono). Il 31% afferma, invece, di sentirsi spesso solo, senza alcuna rete familiare o di amici cui poggiarsi, nonostante il 56% sia soddisfatto dei rapporti familiari e il 66% delle relazioni di amicizia. Ma quelli molto soddisfatti sono rispettivamente solo il 10% e il 20%.
A sentirsi depressi sono soprattutto le persone tra i 40 e i 59 anni (33%), con una netta prevalenza della popolazione femminile (all’interno della classe d’età circa i due terzi sono
donne). La vera discriminante, però, è la condizione socioeconomica: tra i poveri l’incidenza del fenomeno è cinque volte superiore alla classe più elevata. E ancora più evidente è la relazione con la mobilità sociale ascendete e discendente: tra chi nell’ultimo anno ha peggiorato molto la propria condizione socioeconomica l’incidenza del fenomeno sale all’84% mentre tra chi l’ha migliorata si ferma al 9%. Il punto di ricaduta è in una sensazione di estraneità dalla vita e dagli affetti: tra chi dichiara di sentirsi depresso il 79% afferma anche di essere insoddisfatto dei rapporti familiari, il 77% convive con una sensazione di paura, il 65% si sente solo, il 56% è insoddisfatto della propria forma fisica, il 52% vive in maniera insoddisfacente le relazioni di amicizia.

 

2 Commenti per “Gli italiani e l’epoca delle passioni tristi”

  1. […] è in diminuzione il numero di persone che afferma di frequentare amici tutti i giorni). Nel 2015, da uno studio Tecnè sugli italiani nel pieno della crisi, emergeva tra gli intervistati un 31% che affermava di sentirsi spesso solo, senza alcuna rete […]

  2. […] è in diminuzione il numero di persone che afferma di frequentare amici tutti i giorni). Nel 2015, da uno studio Tecnè sugli italiani nel pieno della crisi, emergeva tra gli intervistati un 31% che affermava di sentirsi spesso solo, senza alcuna rete […]

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Oms: esperti internazionali presto in Cina

Il capo delle emergenze dell’Organizzazione mondiale della sanità, Mike Ryan, ha fatto sapere che gli esperti internazionali torneranno in Cina «il prima possibile» per continuare…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Violenza sulle donne, da gennaio a ottobre in Italia ci sono stati 91 femminicidi

Violenza sulle donne, da gennaio a ottobre in Italia ci sono stati 91 femminicidi. A riferirlo è un rapporto dell’Eures, sottolineando che, nello stesso periodo…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gualtieri: «Rinvio tasso per tutte le imprese con perdite»

«Il governo si appresta a varare grazie allo scostamento da 8 miliardi nuove misure a partire dal rinvio delle nuove scadenze tributarie per i settori…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «La ripresa nel 2021 sarà più lenta del previsto»

«La ripresa nel 2021 sarà verosimilmente più lenta del previsto. Nel quarto trimestre 2020, è plausibile una flessione del Pil anche se più contenuta rispetto…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia