Nel 2014 stop alla crescita di emissioni di CO2 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Nel 2014 stop alla crescita di emissioni di CO2

emissioniFino allo scorso anno sembrava impossibile non trovare una sorta di collegamento tra la crescita economica e un aumento del consumo energetico, con relativo innalzamento dell’anidride carbonica prodotto. Ora, con i dati dell’Iea (l’Agenzia internazionale dell’energia) sembra, almeno, possibile sostenere il contrario.
Stando alle analisi dell’agenzia, lo stallo della quantità di anidride carbonica rilevato nel 2014, per la prima volta in quarant’anni non è da attribuire ad una congiuntura economica negativa. Lo scorso anno, infatti, la produzione globale ha registrato una variazione positiva di 3,3 punti percentuali.
In particolare nel 2014 il mondo ha prodotto 32 miliardi di tonnellate di anidride carbonica, di cui il 23,43% solo dalla Cina (primo in classifica nella classifica mondiale per la produzione di CO2). Il secondo gradino spetta invece agli Stati Uniti con il 14,6%, il terzo invece alla Russia con il 4,8%. Seguono, in ordine, il Brasile con il 4,1%, il Giappone con 3,6%, l’Indonesia con il 2,3%, la Germania con il 2,2%, la Sud Corea con l’1,7% e il Canada con l’1,5%. Più distaccata troviamo l’Italia con l’1,05%.
Ulteriori risultati, dopo quelli già raggiunti grazie anche ad una maggiore sensibilizzazione in campo ambientale, potranno essere raggiunti in futuro con l’accordo raggiunto tra Cina e Stati Uniti il 12 novembre scorso, che vede il Paese guidato da Barack Obama impegnato a ridurre entro il 2025 i gas serra di oltre il 25%. Xi Jimping, senza porre un obiettivo preciso, ha invece annunciato di voler limitare il proprio impatto sull’ambiente entro il 2030. Seppur senza stime finali lo scorso anno la Cina ha ridotto le proprie emissioni dello 0,8% e prevede un ulteriore -3,1% per il 2015.

 

Scrivi una replica

News

Usa-Germania, incontro Biden-Merkel il 15 luglio

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, riceverà la cancelliera tedesca Angela Merkel alla Casa Bianca il prossimo 15 luglio. Lo ha riferito il portavoce…

11 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «Ad aprile, prestiti a famiglie, settore privato e società non finanziarie in crescita»

Ad aprile, i prestiti al settore privato, alle famiglie e alle società non finanziarie sono aumentati. Lo rende noto la Banca d’Italia, riferendo i dati…

11 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia: la Banca centrale russa ha alzato i tassi

La Banca di Russia, la banca centrale russa, ha aumentato i tassi dello 0,5%, alzando il costo del denaro al 5,5%. Confermate le previsioni degli…

11 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito: ad aprile, frena la produzione industriale

Ad aprile, la produzione industriale britannica ha registrato un calo inatteso. Lo comunica l’Office National of Statistics, l’ufficio nazionale di statistica britannico, riferendo un calo…

11 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia