La crisi e i comportamenti di imprese e famiglie | T-Mag | il magazine di Tecnè

La crisi e i comportamenti di imprese e famiglie

pmi_crisi economicaAncora nel 2014 gli italiani (di 14 anni e oltre) che si sono dichiarati per niente o poco soddisfatti della propria situazione economica rappresentavano il 54,6% del campione, come rilevato dall’Istat nel Rapporto Noi Italia 2015. In verità dal 2011 la quota degli insoddisfatti rappresenta la maggioranza della popolazione.
Anche il clima di fiducia delle imprese è stato molto condizionato, al ribasso fatta eccezione per l’ultimo periodo, dalle difficoltà congiunturali. Tuttavia, proprio l’anno scorso, i prestiti a medio termine alle aziende sono aumentati di 4,7 miliardi di euro passando da 121,4 miliardi di dicembre 2013 a 126,1 miliardi di dicembre 2014, pur restando il quadro del credito alle imprese negativo. E tra gli effetti, sperati, del QE c’è proprio quello di invertire la rotta a favore di imprese e famiglie.
Alle famiglie, in effetti, è andata peggio: nel 2014 le banche hanno tagliato 5,5 miliardi (-0,92%) di prestiti, in calo da 602,1 miliardi a 596,6 miliardi. Come emerge da un’indagine di Unimpresa, nel complesso i finanziamenti al settore privato sono calati di 11,09 miliardi (-0,78%) da 1.416 miliardi a 1.405 miliardi. Tra le voci in diminuzione anche il credito al consumo (calo di 1,5 miliard) e i prestiti personali (di 1,7 miliardi).
Non solo gli ostacoli oggettivi, insomma. La crisi economica, come si è osservato in altre occasioni, ha condizionato i comportamenti delle famiglie, causando di fatto una contrazione dei consumi che a sua volta ha provocato, nel tempo, una spirale negativa per l’economia dell’Italia e dell’Eurozona in generale.
Secondo una più recente analisi del Centro Studi di Unimpresa la spesa delle famiglie italiane è diminuita anche perché la tendenza è accantonare risorse. In un anno, per rendere l’idea, le famiglie lasciano 30 miliardi di euro, quindi per un accantonamento di circa 2,5 miliardi al mese. L’ammontare delle riserve è cresciuto nei 12 mesi da 861 a 891 miliardi, più del 3%.
Anche le aziende e le imprese familiari seguono il trend. In questi casi la crescita è pari rispettivamente a 13 miliardi di euro, da 190 a 203 miliardi, e due miliardi, da 43 a 45. Dunque da gennaio 2014 a gennaio 2015 le riserve bancarie, nell’insieme, sono aumentate fino a 78,1 miliardi (+5,36%), per una mancata spesa o mancati investimenti di circa 6,5 miliardi di euro al mese.
Dunque accantonare somme più o meno consistenti è stato, negli anni della crisi, un salvagente ritenuto necessario per fronteggiare qualsiasi tipo di imprevisto. Dalla malattia alla perdita del posto di lavoro, ma anche il timore di bollette troppo alte o l’introduzione di nuove tasse, hanno spinto le famiglie a gestire in maniera più oculata le risorse a disposizione.

(articolo pubblicato il 20 marzo 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Usa-Germania, incontro Biden-Merkel il 15 luglio

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, riceverà la cancelliera tedesca Angela Merkel alla Casa Bianca il prossimo 15 luglio. Lo ha riferito il portavoce…

11 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «Ad aprile, prestiti a famiglie, settore privato e società non finanziarie in crescita»

Ad aprile, i prestiti al settore privato, alle famiglie e alle società non finanziarie sono aumentati. Lo rende noto la Banca d’Italia, riferendo i dati…

11 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia: la Banca centrale russa ha alzato i tassi

La Banca di Russia, la banca centrale russa, ha aumentato i tassi dello 0,5%, alzando il costo del denaro al 5,5%. Confermate le previsioni degli…

11 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito: ad aprile, frena la produzione industriale

Ad aprile, la produzione industriale britannica ha registrato un calo inatteso. Lo comunica l’Office National of Statistics, l’ufficio nazionale di statistica britannico, riferendo un calo…

11 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia