L’andamento lento della ripresa | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’andamento lento della ripresa

pil_crisi_economicaUn primo segnale incoraggiante è quello che giunge dal mercato del lavoro. Che non sarà ancora in ripresa, almeno non una ripresa propriamente detta, ma il calo del tasso di disoccupazione osservato già alla fine del 2014 e confermato all’inizio di quest’anno fa comunque ben sperare. E un andamento non troppo negativo del mercato del lavoro, con il rinnovato ottimismo che ne deriva, può aiutare le famiglie “a liberarsi dall’incertezza causata dalla crisi”, rilanciando così la spesa per consumi.
Dal Centro Studi di Confindustria, dunque, giungono spiragli positivi. Le attese, però, fanno comprendere anche come la risalita non sia un processo immediato. Nel primo trimestre di quest’anno la crescita sarà dello 0,2%. Poco, ma pur sempre un’inversione di tendenza. La stima è condizionata da quello che il Centro Studi di Confindustria definisce “l’inciampo” della produzione industriale a gennaio.
Nel primo mese del 2015, infatti, si è verificata una flessione dello 0,7% su dicembre nonostante l’aumento di fine 2014 e il miglioramento dell’indice del clima di fiducia. Per il mese febbraio Confindustria si attende un incremento dello 0,4% su base mensile, ma un rallentamento era stato riscontrato comunque anche nell’Eurozona (-0,1 su dicembre, +1,2 sull’anno).
Ad ogni modo l’indice di fiducia delle imprese dovrebbe migliorare ancora per via delle variazioni positive di produzione e fatturato che si sono registrate nell’ultimo periodo in diversi settori di attività economica. In più sono migliorate le condizioni finanziarie complessive delle imprese e la liquidità “è stata sostenuta dal pagamento degli arretrati della pubblica amministrazione”, il che ha compensato le difficoltà ad ottenere prestiti bancari.
Ma c’è un aspetto significativo che merita particolare attenzione. In queste settimane si è molto discusso riguardo il contesto favorevole – deprezzamento dell’euro, crollo dei prezzi dell’energia, quantitative easing della Bce – che può aumentare la competitività delle imprese e dunque aggiungere stimoli alla crescita. Ciò è vero per quanto riguarda l’Eurozona nel suo insieme, ma non può assicurare un balzo della posizione competitiva dell’Italia. Anzi, avverte il Centro Studi di Confindustria, “può evidenziarne le lacune se, essendo meglio sfruttato dai sistemi più dinamici, ampliasse il divario di performance con gli altri paesi”. Di qui, in definitiva, l’esigenza di non abbandonare il percorso di riforme.

(articolo pubblicato il 26 marzo 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Ambiente, nel 2019 emissioni gas serra Ue in calo del 3,7% su base annua

Nel 2019 le emissioni di gas a effetto serra dell’Unione europea – il dato include il trasporto aereo – sono scese del 3,7% su base…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Italia dal 1° al 29 novembre, quasi 801mila casi

Un bilancio sull’andamento della pandemia in Italia negli ultimi 30 giorni rivela che i casi di infezione da SARS-CoV-2 registrati ufficialmente sono stati 800.953, 22.712…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inflazione, Istat: «Resta negativa, a novembre -0,2%»

«Secondo le stime preliminari, nel mese di novembre 2020 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra una…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 62,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 62.829.641. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia