Amnesty International, nel 2014 aumento delle condanne a morte | T-Mag | il magazine di Tecnè

Amnesty International, nel 2014 aumento delle condanne a morte

Nel 2014 gli stati hanno fatto ricorso alla pena di morte nel futile tentativo di contrastare criminalità, terrorismo e instabilità interna.
Si è registrato un profondo aumento delle condanne a morte, almeno 2466 (il 28 per cento in più rispetto al 2013), soprattutto a causa di Egitto e Nigeria. Naviga l’infografica interattiva.
Le esecuzioni registrate sono state 607, il 22 per cento in meno del 2013 (con l’esclusione della Cina, che da sola esegue più condanne a morte che il resto del mondo).
Esecuzioni hanno avuto luogo in 22 paesi, lo stesso numero del 2013.
Nel suo rapporto annuale sulla pena di morte nel mondo, Amnesty International ha riscontrato nel 2014 un allarmante aumento del numero dei paesi che hanno usato la pena di morte per contrastare reali o presunte minacce alla sicurezza collegate al terrorismo, alla criminalità o all’instabilità interna.
Il numero delle condanne a morte registrate nel 2014 supera di quasi 500 quello del 2013, soprattutto a causa di Egitto e Nigeria, che hanno emesso condanne di massa nel contesto del conflitto interno e dell’instabilità politica che hanno caratterizzato i due paesi.
“I governi che usano la pena di morte per contrastare la criminalità ingannano sé stessi. Non c’è prova che la minaccia di un’esecuzione costituisca un deterrente più efficace rispetto a qualsiasi altra sanzione” – ha dichiarato Salil Shetty, segretario generale di Amnesty International.
“Nel 2014 la lugubre tendenza dei governi a usare la pena di morte nel futile tentativo di contrastare minacce reali o immaginarie alla sicurezza dello stato e alla salute pubblica è stata evidente. È davvero vergognoso che così tanti stati del mondo giochino con la vita delle persone, eseguendo condanne a morte per ‘terrorismo’ o per venire a capo dell’instabilità interna, sulla base della falsa teoria della deterrenza” – ha aggiunto Shetty.
Nell’analisi sull’uso della pena di morte nel 2014, si trovano però anche buone notizie: il numero delle esecuzioni registrate è stato inferiore a quello del 2013 e diversi paesi hanno intrapreso passi avanti verso l’abolizione della pena capitale.

(fonte: Amnesty International)

 

Scrivi una replica

News

Nato: Consiglio Atlantico convocato a Bruxelles il 14 e 15 febbraio

Il Consiglio Atlantico è stato convocato a Bruxelles per il 14 e 15 febbraio prossimi per discutere della situazione in Ucraina. Ad annunciarlo è stata…

26 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti: Meta reintegra Trump su Facebook e Instagram

Dopo la svolta di Twitter, anche Meta ha deciso di reintegrare Donald Trump su Facebook e Instagram. Per due anni gli account dell’ex presidente degli…

26 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Nel 2022, 122 omicidi su 310 avvenuti in Italia hanno avuto come vittima una donna»

Nel 2022 la metà degli omicidi «sono avvenuti nell’ambito dei rapporti familiari e affettivi e una parte molto consistente, 122 su 310, vede come vittima…

26 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Zelensky: «Ringraziamo i nostri alleati, ora serve essere rapidi per la fornitura dei nuovi carri armati»

«Ringrazio tutti i nostri alleati per la loro disponibilità a fornirci carri armati moderni e tanto necessari. La chiave ora è la velocità. La velocità di addestramento…

26 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia