I ritardi e i costi del trasporto pubblico italiano | T-Mag | il magazine di Tecnè

I ritardi e i costi del trasporto pubblico italiano

trasporto_pubblicoI ritardi del trasporto pubblico italiano urbano ed extra-urbano non sono irrecuperabili. Colmare il divario che ci divide dal resto dei Paesi europei, dove le reti metropolitane, tranviarie e il parco mezzi su gomma risultano più efficienti, sarebbe anzi possibile. Tuttavia per riuscirci l’Italia dovrebbe investire 40 miliardi di euro, sostiene uno studio condotto a livello mondiale dalla società di consulenza AlixPartners. Venti miliardi dovrebbero essere destinati agli investimenti per lo sviluppo delle infrastrutture, 9,5 miliardi per l’adeguamento del parco mezzi – la cui età media è superiore a quella del resto d’Europa (11,6 anni contro 7 anni) – e 10 per rendere più sostenibile la mobilità urbana. Come? Attraverso, ad esempio, il sostegno pubblico per il rinnovo del parco con veicoli elettrici e reti di ricarica, lo sviluppo di car-bike sharing e car pooling.
I vantaggi sono evidenti. Un trasporto pubblico più efficiente potrebbe ridurre il numero di veicoli privati in circolazione nelle grandi città italiane: secondo l’Automobil Club d’Italia (Aci), nelle metropoli italiane il 59,4% degli spostamenti è effettuato con l’automobile contro il 40% di Londra, ad esempio.
Questo consentirebbe di ridurre il traffico, abbattendone i costi dovuti al tempo perso ‘rimanendo in coda’: stando ad un’elaborazione della Fondazione Caracciolo per l’Aci, nelle sei città italiane più trafficate (Palermo, Roma, Milano, Napoli, Genova e Torino) la congestione costa al nostro Paese oltre 5 miliardi di euro l’anno. Solo nella Capitale, tanto per fare un esempio, i costi dovuti al traffico toccano i 2,3 miliardi di euro, per una media di 1.005,91 euro per ogni automobilista e 722,75 euro per ogni utente del trasporto pubblico.
L’elevata età media del parco mezzi e le infrastrutture non rappresentano l’unico neo. Anzi. In Italia il grado di copertura dei costi con i ricavi è del 30,7% contro l’84,2% della Gran Bretagna e il 60,5% della Germania, osserva l’Aci.
Un trend che sarebbe opportuno invertire quanto prima. Per fare cosa? Innanzitutto recuperare parte dei fondi necessari per sostenere le spese del settore del trasporto pubblico italiano, quantificato dall’AlixPartners in circa 6,4 miliardi di euro l’anno, e per poi rendere più efficiente un servizio che, come ricordato di recente da Confartigianato, non soddisfa gli italiani: il nostro Paese occupa la 25esima posizione in Europa per gradimento dei cittadini per il trasporto pubblico.

(articolo pubblicato il 31 marzo 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Oms: «Il Covid è ancora un’emergenza sanitaria internazionale»

Il Covid «continua a costituire un’emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale». Così Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms, l’Organizzazione mondiale della Sanità, nel rapporto…

30 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente, nel 2022 in 29 città italiane superati i limiti giornalieri di PM10

«Nel 2022, 29 città su 95 hanno superato i limiti giornalieri di PM10». Lo denuncia Legambiente, con il report “Mal’Aria di città 2023: cambio di…

30 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inflazione, Giorgetti: «Il tessuto economico tiene»

«L’attuale scenario internazionale è caratterizzato ormai da da diversi mesi da un’inflazione diffusa, eccezionalmente elevata e persistente, che sta esercitata grande pressione sulle famiglie e…

30 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania: nel quarto trimestre Pil in diminuzione (-0,2%)

Nel quarto trimestre, il Prodotto interno lordo tedesco è diminuito dello 0,2% su base trimestrale. Lo rende noto Destatis, l’Ufficio federale di statistica, diffondendo una…

30 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia