Il business dello streaming, da Spotify a Tidal | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il business dello streaming, da Spotify a Tidal

di Matteo Buttaroni

tidalPrima Pandora poi Deezer e Spotify, ora Tidal e presto anche il rilancio di Beats Music, acquistato da Apple. I contendenti nella partita dello streaming musicale sono sempre di più, come del resto aumentano costantemente anche gli utenti che usufruiscono di un servizio che sta stravolgendo i numeri dell’intera industria musicale.
Alla luce dei dati relativi al 2014 Shawn Carter, in arte JAY Z e nella vita marito di Beyoncé e imprenditore di successo, sembra proprio averci visto lungo quando ha deciso di spendere 56 milioni di dollari per un servizio molto simile a quello offerto da Spotify, appunto Tidal, la cui differenza sostanziale con il servizio nato ormai nel 2008 è quella di “offrire” (oltre alla fruizione di video musicali) la possibilità di ascoltare musica in qualità FLAC lossless a 1.411 kbps, contro la qualità massima disponibile su Spotify da 320 kbps. Ovviamente la differenza ha un prezzo: mentre la versione con audio standard (320 kbps) costa 9,99 dollari al mese, come Spotify, il prezzo per la versione Tidal HiFi sale a 19,99 dollari.
Per scoprire se Tidal segnerà la fine di Spotify o meno bisognerà comunque aspettare e, per il momento, il servizio svedese sembra un avversario arduo. Con i suoi circa 15 milioni di abbonati premium, Spotify ha ormai piantato le sue radici in un’industria musicale che parla sempre più digitale.
Nel corso del 2014, infatti, i servizi streaming hanno rappresentato una delle voci più in crescita dell’intero settore e dare uno sguardo a come è andato il mercato dell’industria della musica negli Stati Uniti (precursore in questo senso) può aiutare a far luce sulla sua evoluzione anche a livello globale.
Secondo i dati raccolti dalla RIAA (Recording Industry Association of America) lo streaming si è ritagliato una fetta pari al 27% dell’intera industria musicale, tallonando i supporti fisici (e superando il fatturato dei cd) che, fermi al 32% del totale del giro d’affari, sono ormai stati superati dai download digitali, al primo posto con il 37%.
Rispetto allo scorso anno il giro d’affari generato negli Stati Uniti dallo streaming musicale è aumentato del 6% sul totale del mercato e del 29% in termini assoluti raggiungendo gli 1,87 miliardi di dollari.
Anche in Italia il digitale, e con esso anche lo streaming, funge da motore per l’intera industria. Stando a quanto rilevato dalla Deloitte per FIMI il mercato discografico nei dodici mesi scorsi è cresciuto del 4%, realizzando un fatturato di circa 122 milioni di euro. Anche in questo caso una fetta importante viene rappresentata dal digitale, il 38% (contro il 32% del 2013), che però risulta ancora piuttosto inferiore rispetto ai supporti fisici, con il 62% (75,3 milioni di euro contro i 79,5 milioni rispetto al 2013). In tutto ciò lo streaming si ritaglia una fetta pari al 22% dell’intero fatturato totale dell’industria musicale (contro il 12 del 2013) e il 57% del comparto digitale, contro il 43% dei download.

(articolo pubblicato il 31 marzo 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, Biden: «C’è un enorme interesse per avere un grande rapporto con Nato e Ue»

«C’è un enorme interesse per avere un grande rapporto con la NATO e l’Ue». Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, incontrando…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Il virus è più rapido dei vaccini»

«Il virus si sposta più rapidamente della distribuzione mondiale dei vaccini». A denunciarlo il direttore generale dell’Oms, Adhanom Ghebreyesus, invitando i Paesi produttori un maggiori…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, negli Usa 10mila nuovi casi: la California lo Stato più colpito dalla pandemia

Gli Stati Uniti nelle ultime 24 ore hanno registrato 193 decessi e 10.800 nuovi casi.  La California è ora lo stato più colpito dalla pandemia…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina contro la Nato: “Esagerate con la teoria della minaccia”

“La Nato vuole creare scontri”. E’ l’accusa lanciata dalla Cina in seguito all’accordo raggiunto dagli alleati occidentali su un’azione comune di contrasto alle politiche, spesso…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia