Scuola Diaz, la Corte di Strasburgo condanna l’Italia per tortura | T-Mag | il magazine di Tecnè

Scuola Diaz, la Corte di Strasburgo condanna l’Italia per tortura

La Corte europea dei diritti umani ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura. Così è stato deciso in riferimento ai fatti avvenuti durante l’irruzione alla scuola Diaz nei giorni del G8 di Genova del 2001. In particolare, secondo la Corte, è stato violato l’articolo 3 della Convenzione europea dei diritti umani secondo cui “nessuno può essere sottoposto a tortura né a pene o trattamenti inumani o degradanti”. La sentenza riguarda il caso di Arnaldo Cestaro, all’epoca 62enne, che riportò fratture multiple perché picchiato più volte. L’Italia adesso, ha stabilito la Corte di Strasburgo, “dovrà versare a Cestaro un risarcimento di 45 mila euro”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 178,5 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 178.554.302. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

21 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Svezia, il Parlamento sfiducia il premier Lofven

Il primo ministro svedese, il socialdemocratico Stefan Lofven, è stato sfiduciato questa mattina in un voto in Parlamento: si tratta del primo nella storia politica…

21 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bielorussia, Borrell: «Sanzioni a 86 persone e 4 compagnia»

«Stamani con i ministri degli Esteri dell’Unione europea avremo un incontro con la leader dell’opposizione bielorussa, Svetlana Tikhanovskaya, che spiegherà la situazione nel Paese e…

21 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, regionali flop: trionfano i gollisti. Male Le Pen e Macron

Nella prima giornata delle regionali in Francia, a trionfare sono i neogollistti di Les Republicains, vincitori del primo turno di ballottaggio con il 28,4% dei…

21 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia