Due imprese su tre sono in ritardo sui pagamenti | T-Mag | il magazine di Tecnè

Due imprese su tre sono in ritardo sui pagamenti

di Matteo Buttaroni

soldi_famiglie_crisiLa difficoltà ad accedere al credito è solo un esempio di come la crisi economica abbia cambiato la situazione debitoria delle aziende. Da un lato, infatti, tale situazione ha portato le banche a cautelarsi evitando di concedere finanziamenti alle aziende più a rischio di insolvenza (talvolta costrette a chiudere i battenti), mentre dall’altro lato molte imprese hanno dovuto prolungare i tempi per i pagamenti delle fatture.
Nonostante a marzo si sia arrestato l’aumento del ritardo dei pagamenti, secondo Cribis D&B, solo il 36,3% delle imprese italiane rispetta le scadenze e, mentre il 48% di esse paga con al massimo un mese di ritardo, il 15,7% si prende più di 30 giorni dalla scadenza per saldare il proprio debito. Un dato, quest’ultimo, che, sebbene si presenti stabile sullo scorso anno, rispetto al 2010 è lievitato del 185,5%.
Maglia nera spetta alle imprese del commercio al dettaglio: solo il 25,4% di esse rispetta le scadenze mentre una quota simile (il 24,6%) si prende più di un mese di tempo, oltre le scadenze prestabilite, per restituire quanto dovuto. In questo caso i ritardi gravi sono aumentati del 232,4%.
Guardando invece ai vari settori, Cribis D&B ha rilevato che a godere del miglior stato di salute è quello dei servizi finanziari che, con il 48,5% delle aziende che rispetta i tempi, conta solo poco più del 10% che presenta invece gravi ritardi. Pessime performance invece per il settore edile, per il quale i ritardi gravi sono cresciuti del 178% nell’arco di cinque anni.
Se si considerano invece le aziende differenziandole per dimensioni, si osserva che le realtà più piccole, quindi le micro imprese, presentano andamenti contraddittori: è vero che possono vantare la quota più alta di aziende puntuali nei pagamenti (37, 4%), ma è altrettanto vero che presentano il dato più alto per i pagamenti oltre un mese dalla scadenza: 17,4% (il 200% in più rispetto al 2010).
Diversa la situazione per le grandi imprese. In questo caso è più bassa la quota di imprese virtuose (16,1%), ma è bassa anche quella di imprese con gravi ritardi (8,4%). Più equilibrate risultano invece le piccole e medie imprese. Secondo le rilevazioni, il 35,6% di queste sono regolari nei pagamenti e il 10,1% si prende oltre un mese.
A livello territoriale il confronto tra le macro-aree del Paese vede il Nord-Est come il più virtuoso con il 45,6% dei pagamenti effettuati entro le scadenze prestabilite. Solo l’8,8% delle imprese si porta il pagamento oltre un mese dalla scadenza prevista. Al lato opposto troviamo invece il Sud: solo il 22,4% salda regolarmente i debiti, contro il 27,3% che presenta invece gravi ritardi.

(articolo pubblicato il 07 aprile 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Novara, sindacalista muore investito da un camion durante una manifestazione

Adil Belakhdim, 37 anni, coordinatore interregionale dei SiCobas, è morto questa mattina investito da un camion. L’episodio è avvenuto davanti ai cancelli della Lidl di…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, prima dose di vaccini a metà della popolazione

Il ministro della Salute tedesco, Jens Spahn, ha reso noto che una persona su due in Germania è stata somministrata una prima dose, e una…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, impennata di casi in Russia: 17mila in un giorno

Nelle ultime 24 la Russia ha registrato 17mila nuovi casi da coronavirus, facendo registrato il più alto numero giornaliero da febbraio. I morti, invece, hanno…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps- Ag.Entrate-Bankitalia: «8,9 miliardi alle imprese nel 2020»

Nel 2020, a sostegno di coloro che svolgono attività imprenditoriale, sommando i contributi dell’Inps e quelli dell’Agenzia delle Entrate, sono stati complessivamente erogati circa 8,9…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia