La ripresa c’è, ma a passo lento | T-Mag | il magazine di Tecnè

La ripresa c’è, ma a passo lento

crisi-economicaLa ripresa c’è, ma a passo lento. E ancora molto c’è da attendere prima che la crescita torni ai livelli pre-crisi. Questo, in estrema sintesi, il resoconto nell’ultimo World Economic Outlook del Fondo monetario internazionale. In pratica nelle economie avanzate, e ancor di più in quelle emergenti, il tasso di crescita non riuscirà nel medio periodo (più o meno fino al 2020) ad eguagliare i risultati raggiunti diversi anni fa.
Per quanto riguarda l’Eurozona, l’Istat parla tutto sommato di “cambio di passo in vista”. Ed è già qualcosa. Dopo il rallentamento dell’attività economica, registrato nel secondo e nel terzo trimestre del 2014, la produzione industriale ha poi accelerato nell’ultimo periodo dell’anno (+0,4%), tendenza che dovrebbe mantenersi costante, fatta eccezione per le costruzioni, anche nei prossimi mesi del 2015 grazie “alle migliorate prospettive di domanda esterna e interna”.
Allo stesso modo il Pil dell’Eurozona ha registrato una lieve crescita nel quarto trimestre dell’anno scorso, vale a dire +0,3% dopo lo +0,2% del precedente, trainato – spiega l’Istat – “in gran parte dalla solida, ancorché moderata, espansione dei consumi privati e delle esportazioni nette”. Dunque si attende un +0,4% per il primo trimestre, un’ulteriore crescita sostenuta soprattutto dal contesto internazionale (calo dei prezzi del petrolio e deprezzamento dell’euro).
Tutto ciò non è sufficiente, però. Il potenziale di crescita globale si manterrà, infatti, su livelli inferiori rispetto al periodo pre-crisi. In particolare, nonostante nelle economie avanzate sia previsto un leggero aumento (da una media dell’1,3% nel periodo 2008-2014 all’1,6% del periodo 2015-2020), la crescita non seguirà il passo degli anni addietro quando fu del 2,25% nel periodo 2001-2007.
Peggio dovrebbe andare alle economie emergenti – anche a causa di fattori quali invecchiamento della popolazione e freni strutturali alla crescita di capitale, osserva il Fmi – che subiranno un rallentamento della crescita al 5,2% tra il 2015 e il 2020 dal 6,5% del periodo 2008-2014.
Da Washington, non a caso, suggeriscono che “aumentare il prodotto potenziale” sia “una priorità”, per quanto i diversi paesi non necessitino delle medesime riforme. Ma è opportuno, in particolare nelle economie più solide, sostenere la domanda, favorendo così consumi e investimenti, nonché l’occupazione.
Uno scenario che prevede, dunque, cambiamenti e riforme. Un tema peraltro non nuovo: già nel 2013 il Dipartimento Economia e Finanze della Commissione europea aveva previsto che in uno scenario “no-policy change”, ovvero senza nessun cambiamento a livello di politiche condotte dai paesi dell’eurozona, le prospettive di crescita – il riferimento era ai successivi dieci anni – fossero decisamente più basse rispetto al periodo pre-crisi.
A differenza del Fmi, però, lo studio del Dipartimento Economia e Finanze della Commissione europea considerava, più o meno nello stesso lasso di tempo (2014-2023), una crescita media degli Stati Uniti più alta, o per meglio dire analoga al periodo pre-crisi, mentre quella dell’Europa pari a meno della metà di quella statunitense (+1% rispetto a +2,5%).
Ma su un punto convergono le analisi: senza politiche lungimiranti e riforme strutturali la crisi non verrà superata adeguatamente. Con un occhio di riguardo all’Eurozona, quest’ultima – era la conclusione degli autori del rapporto di Bruxelles – potrebbe tornare ai livelli di crescita pre-crisi solo dopo il 2023, nel momento in cui il contributo della lenta ripresa dell’occupazione e dei capitali tornerà a farsi sentire.

(articolo pubblicato il 9 aprile 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Meloni: «La Shoah fu un abisso dell’umanità»

«La Shoah rappresenta l’abisso dell’umanità. Un male che ha toccato in profondità anche la nostra Nazione con l’infamia delle leggi razziali del 1938. È nostro…

27 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Maturità 2023: latino al classico, matematica allo scientifico

Latino al classico, matematica allo scientifico. Sono state annunciate le materie della seconda prova per l’esame di Maturità 2023, che torna a svolgersi secondo quanto…

27 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Aiea: ieri esplosioni vicino a centrale nucleare di Zaporizhzhia

Potenti esplosioni vicino alla centrale nucleare di Zaporizhzhia occupata dai russi sono avvenute ieri durante l’attacco missilistico da parte delle forze di Mosca contro l’Ucraina.…

27 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Iran: attacco all’ambasciata azera, una vittima

Un morto e due persone rimaste ferite è il bilancio di un assalto all’ambasciata dell’Azerbaigian in Iran. Lo ha reso noto il ministero degli Esteri…

27 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia