Unicef: “Scontri con Boko Haram costringono 800.000 minori a lasciare casa” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Unicef: “Scontri con Boko Haram costringono 800.000 minori a lasciare casa”

Secondo il nuovo rapporto dell’UNICEF “Missing Childhoods. The impact of armed conflict on children in Nigeria and beyond” (“Infanzie perdute. L’impatto del conflitto armato sui bambini, in Nigeria e oltre”), reso pubblico oggi, circa 800.000 minori sono stati costretti ad abbandonare le proprie case a causa del conflitto in corso nel Nord-est della Nigeria, che vede impegnati Boko Haram, esercito nazionale e gruppi di autodifesa civile.
Lanciato a un anno dal rapimento da parte delle milizie jihadiste di Boko Haram di oltre 200 studentesse nella città di Chibok, il rapporto rivela che il numero di bambini e ragazzi che hanno dovuto sfollare per salvarsi la vita, spostandosi all’interno della Nigeria oppure attraversando il confine con Ciad, Niger e Camerun, è più che raddoppiato in poco meno di un anno.
“Missing Childhoods” sottolinea come il conflitto esiga un prezzo pesante per l’infanzia, in Nigeria e in tutta la regione.
Minorenni vengono utilizzati da Boko Haram come combattenti, cuochi, facchini e vedette, mentre ragazze e donne sono stuprate, sottoposte a matrimoni forzati o obbligate a lavorare in condizioni servili.
Studenti e insegnanti vengono deliberatamente presi di mira: alla fine del 2014 oltre 300 scuole sono state lesionate o distrutte, almeno 196 insegnanti e 314 studenti uccisi.
«Il rapimento delle 230 ragazze di Chibok è solo una delle innumerevoli tragedie che si replicano su dimensione ancora più imponente in Nigeria e nella regione» afferma Manuel Fontaine, Direttore regionale dell’UNICEF per l’Africa occidentale e centrale. «Tantissimi ragazzi e ragazze in Nigeria mancano all’appello: rapiti, reclutati da gruppi armati, uccisi, utilizzati per attentati o costretti a fuggire dalla violenza. Hanno il diritto di riavere la loro infanzia.»

 

Scrivi una replica

News

Bce: “Ripresa si rafforza ma rimane l’incertezza legata alle varianti”

“L’economia dell’area euro sta gradualmente ripartendo ed è atteso un netto miglioramento nella seconda metà del 2021, via via che i progressi nelle campagne di…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Taiwan: “Dobbiamo prepararci ad un possibile conflitto con la Cina”

“Taiwan deve prepararsi ad un possibile conflitto armato con la Cina”. Lo ha affermato il ministro degli Esteri taiwanese, Joseph Wu, citando la crescente intimidazione…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Miami, crolla palazzo condominiale: si temono diverse vittime

A Miami, più precisamente a Surfside, è crollato un palazzo condominiale nel corso della notte dì mercoledì 23 giugno. Al momento non è ancora chiaro…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, ultima dichiarazione della Merkel al Bundestag

Nella giornata di giovedì 24 giugno, Angela Merkel ha sostenuto la sua ultima dichiarazione governativa al Bundestag, dopo 16 anni da cancelliera. L’ultimo discorso è…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia