Le performance dei gruppi del largo consumo mondiale | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le performance dei gruppi del largo consumo mondiale

shoppingUn settore che non sembra aver risentito troppo del perdurare della crisi economica è sicuramente quello che racchiude i principali gruppi a livello mondiale dei beni di largo consumo. Si tratta di un mercato che, se considerate le prime 250 aziende al top, ha generato un fatturato, nel corso del 2013, di circa 3.130 miliardi di dollari.
Secondo le rilevazioni della Deloitte, riportate nel Rapporto Global Powers of Consumer Products, rispetto all’anno precedente ha riportato infatti una crescita di 0,4 punti percentuali risultando un anno positivo per l’80% dei 250 produttori al top.
Ancora una volta, per il sesto anno consecutivo, Samsung si conferma la prima azienda al mondo per vendite. Il colosso coreano ha totalizzato 178 miliardi di dollari di fatturato, una cifra in crescita del 22% rispetto all’esercizio fiscale precedente. Al secondo posto della classifica si posiziona invece Apple che, con un aumento dei ricavi di quasi il 45%, stacca la Neslè che soffia il terzo posto a Panasonic.
In tutto ciò l’Italia vanta sei gruppi tra i primi 250 marchi al top. Un’eccellenza che ha generato 39,1 miliardi di dollari nel 2013: l’otto percento in più rispetto ai dodici mesi precedenti. Stiamo parlando di Ferrero, Luxottica, Pirelli, Barilla, Indesit e Perfetti Van Melle.
La Ferrero, grazie ad una crescita dell’8%, a oltre dieci miliardi di dollari di ricavi, riesce a guadagnare due posizioni della speciale graduatoria, portandosi così all’84esimo posto e realizzando così il miglior risultato tra le aziende nostrane.
Ottimi risultati sono stati raggiunti, nell’ultimo anno preso in considerazione, anche da Pirelli, Barilla e Indesit che hanno riportato, rispettivamente, crescite del 7,4%, dello 0,6% e del 2,1%. La Perfetti Van Melle riporta dati confortanti sia per quanto riguarda i ricavi che l’utile netto. Il primo dato si è presentato, infatti, in crescita del 5%, consentendo all’azienda di superare i tre miliardi di dollari. Per quanto riguarda invece gli utili netti, si parla invece di una crescita media (se considerati gli ultimi cinque anni) del 6,3%.
Nonostante i buoni risultati ottenuti dalle sei più grandi aziende aziende italiane, non tutte sono riuscite a migliorare la propria posizione nella classifica, questo perché – spiega la Deloitte – il mercato dell’Eurozona è cresciuto meno rispetto a quello delle altre macro aree del mondo.
Le imprese dell’area Africa-Middle East, per esempio, hanno registrato una crescita media dei ricavi pari al 16,8%, mentre se si guarda all’Europa, la Francia (che ha riportato la crescita maggiore) si è fermata ad un +6,6%.

(articolo pubblicato il 15 aprile 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Oms: «Il Covid è ancora un’emergenza sanitaria internazionale»

Il Covid «continua a costituire un’emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale». Così Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms, l’Organizzazione mondiale della Sanità, nel rapporto…

30 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente, nel 2022 in 29 città italiane superati i limiti giornalieri di PM10

«Nel 2022, 29 città su 95 hanno superato i limiti giornalieri di PM10». Lo denuncia Legambiente, con il report “Mal’Aria di città 2023: cambio di…

30 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inflazione, Giorgetti: «Il tessuto economico tiene»

«L’attuale scenario internazionale è caratterizzato ormai da da diversi mesi da un’inflazione diffusa, eccezionalmente elevata e persistente, che sta esercitata grande pressione sulle famiglie e…

30 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania: nel quarto trimestre Pil in diminuzione (-0,2%)

Nel quarto trimestre, il Prodotto interno lordo tedesco è diminuito dello 0,2% su base trimestrale. Lo rende noto Destatis, l’Ufficio federale di statistica, diffondendo una…

30 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia