Salone del Mobile: segnali incoraggianti | T-Mag | il magazine di Tecnè

Salone del Mobile: segnali incoraggianti

legno_arredoIl mercato è ancora in sofferenza, ma si cominciano a vedere i primi segnali di ripresa. Al Salone del Mobile 2015, giunto ormai alla 54esima edizione e in programma fino al 19 aprile, vige l’ottimismo. Perché dopo anni di evidente difficoltà il primo trimestre dell’anno sta offrendo spunti di rinnovata vitalità, soprattutto grazie all’export.
Nei padiglioni della Fiera di Rho sono attesi oltre 300 mila visitatori da più di 160 paesi per 2.106 espositori. Ma come se la passa il settore del legno arredo?
Il fatturato alla produzione della filiera ha subito nel 2014 una variazione negativa rispetto al 2013 del 2% a causa soprattutto del mercato interno (-4%), mentre il fatturato derivante dalle esportazioni ha registrato una crescita del 4,7% (dati Centro Studi Federlegno). Gli addetti del settore sono invece diminuiti dello 0,7% e il saldo delle imprese è negativo (-1,4%).
Tuttavia il quadro, seppure tra alti e bassi, mostra una risalita nei primi mesi del 2015. Molto grazie alla svalutazione dell’euro per cui già nel mese di dicembre le esportazioni verso gli Stati Uniti erano aumentate del 47% a fronte di un incremento complessivo, nello stesso periodo di riferimento, pari al 12%.
I numeri, però, non devono indurre in errore. Come già osservato nel recente dossier 10 verità sulla competitività italiana di Fondazione Symbola, Unioncamere, FederlegnoArredo e Fondazione Edison, è opportuno ricordare che dal 2008 al 2013 l’Italia ha aumentato l’export del 16,5% facendo meglio di Germania (11,6%) e Francia (5,9%). In pratica il nostro paese è tra i cinque al mondo che vantano un surplus commerciale manifatturiero superiore a 100 miliardi di dollari.
E uno dei settori trainanti dell’economia e dell’export nazionale è proprio il legno arredo. Con oltre dieci miliardi di surplus, l’industria italiana del mobile è seconda nella graduatoria mondiale, preceduta solo dalla Cina. Inoltre, con 56,4 milioni di euro investiti, il settore può vantare anche il primato europeo per spesa in ricerca e sviluppo. In conclusione: l’industria italiana del mobile genera un valore aggiunto che vale quanto quelli di Francia, Spagna e Svezia sommati insieme.
Le stime per il 2015 prevedono un miglioramento in tutte le componenti: le esportazioni potrebbero arrivare a crescere del 5%, il fatturato potrebbe mettere a segno un +2% dopo il -2 registrato nel 2014, e i consumi interni potrebbero rallentare la caduta.

(articolo pubblicato il 15 aprile 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello globale i contagi hanno superato i 178,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 178.870.559. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

22 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Pochi vaccini nei paesi più poveri»

Secondo il consigliere del direttore generale dell’Oms, Bruce Aylward, molti dei paesi più poveri che hanno ricevuto i vaccini anti-Covid-19 attraverso l’iniziativa Covax, che ha…

22 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, Corte di Giustizia: «YouTube non responsabile automaticamente delle violazioni del copyright»

YouTube – e piattaforme online simili – non devono essere considerate automaticamente responsabili della violazione del diritto d’autore commessa dagli utenti attraverso la pubblicazione di…

22 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Speranza: «Fino a quando il numero dei morti non sarà zero, la battaglia resterà incompiuta»

«Fino a quando il numero delle morti per Covid non sarà ‘zero’ in tutte le Regioni italiane ci sarà ancora una battaglia incompiuta». Lo ha…

22 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia