Il fenomeno della prostituzione in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il fenomeno della prostituzione in Italia

prostituzioneUna nuova proposta di legge per chiedere l’abolizione della Legge Merlin sulla regolamentazione della prostituzione. Un’eventualità che convince gli italiani in quanto, per il 72% di essi andrebbe abolita, mentre per il 24% va mantenuta (il 4% è senza opinione). L’istituto di ricerca Tecnè ha così raccolto le opinioni dei cittadini sul tema nell’indagine che ha condotto per Porta a Porta del 16 aprile 2015. Ancora il 72% degli intervistati ritiene la prostituzone “un problema, è sempre esistita, meglio regolarla”, per il 24%, invece, si tratta di una piaga sociale da debellare, non è un problema per il 3% (senza opinione l’1%). Inoltre, secondo gli italiani, chi si prostituisce deve pagare le tasse: la pensa in questo modo l’80%, contrari il 17%, senza opinione il 3%.
I quartieri a luci rosse sono anch’esso un argomento piuttosto dibattuto negli ultimi tempi. Alla possibilità risponde positivamente il 31% del campione, il 66% si dice contrario mentre il 3% è senza opinione. Si rileva, tuttavia, un’opinione compatta quando viene chiesto agli intervistati il parere sulla creazione di una zona a luci rosse nel proprio quartiere: in questo caso, infatti, la quota dei contrari sale al 92% mentre i favorevoli sono il 6% (senza opinione il 2%).
Per quanto riguarda la forma giuridica di chi esercita la prostituzione, suddivisa cioè per tipologia di regolamentazione, gli intervistati nel 75% delle risposte prediligono l’ipotesi di libera professione (lavoratore autonomo), mentre sono contrari nel 24% dei casi (non sa l’1%). La soluzione della cooperativa socio lavoratore convince il 59%, contrario il 35% (6% non sa). Infine l’impresa, quindi del rapporto dipendente in cui comparirebbe la figura del datore del lavoro, mette d’accordo il 49% degli intervistati, mentre il 44% si dichiara contrario (il 7% non sa).
Altro tema fondamentale: la correlazione tra prostituzione e sicurezza. In questo senso il 62% degli intervistati sostiene che nei luoghi in cui c’è prostituzione aumenti l’insicurezza dei cittadini, per il 34% non vi è realazione tra i due fenomeni, il 4% risulta essere senza opinione.
Analogamente alla figura della prostituta, anche quella del gigolò andrebbe regolamentata per il 72%. Non dovrebbe essere così per il 25%, non sa il 3%. Ma si farà, effettivamente, una nuova legge per regolamentare la prostituzione? La maggior parte degli intervistati, il 66%, crede di no, di sì afferma il 26%, senza opinione l’8%.

Il sondaggio è stato effettuato il 9 aprile 2015. Numerosità pari a 1.000 casi con metodo Cati su un campione rappresentativo della popolazione maggiorenne sul territorio nazionale. Margine d’errore +/- 3% sui risultati a livello dell’intera popolazione. Committente: Porta a Porta.

Sfoglia l’indagine Tecnè/Porta a Porta

 

1 Commento per “Il fenomeno della prostituzione in Italia”

  1. pippo

    Infatti,alla fine,si sarà trattato delle solite chiacchiere:anche di fronte a emergenze sociali e al problema della sicurezza nelle nostre città,quei cazzari che,senza mandato alcuno,pretendono di rappresentarci,preferiscono la conservazione dello status quo e la protezione dei loro interessi clientelari.
    Quante volte hanno promesso la legge sull’istituzione del reato d’omicidio stradale?
    Niente,niente,ancora e sempre niente!
    Siamo e resteremo per sempre l’italietta anni 50,provinciale e bigotta,piccola e mediocre,tanto cara a qualche vecchio rincoglionito.

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, rinviato il viaggio a Pechino del segretario di Stato Blinken

Il viaggio a Pechino del segretario di Stato statunitense, Antony Blinken, è stato posticipato. Lo riporta l’agenzia Bloomberg, sottolineando che il rinvio è stato deciso…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Michel: «L’Ucraina è l’Europa e l’Europa è Ucraina»

«L’Ucraina è l’Europa e l’Europa è l’Ucraina. Non siamo intimiditi dal Cremlino e non lo saremo». Così il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, intervenendo…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Zelensky: «L’Ue sosterrà il nostro piano di pace»

«Nel corso dei nostri negoziati oggi abbiamo discusso l’attuazione del nostro piano di pace, che l’Ue sosterrà, perché è l’unico progetto comprensivo per recuperare l’architettura…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Donbass non ancora protetto, operazione speciale continua»

«Il Donbass non è ancora completamente protetto, quindi l’operazione militare speciale continua». A ribadirlo è stato il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, secondo quanto riferito…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia