Il peso del costo del lavoro in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il peso del costo del lavoro in Italia

di Fabio Germani

lavoro_governo_crescitaIl costo del lavoro continua ad essere piuttosto alto in Italia, almeno in rapporto al prelievo complessivo sui salari. Noi, meglio di altri, ne sappiamo qualcosa: nel 2014 il cuneo fiscale ha raggiunto in alcune fattispecie livelli prossimi al 50%.
Il rapporto Taxing Wages dell’Ocse colloca l’Italia al sesto posto (su 34, al 48,2%; media al 36%) per il prelievo sui salari. Al primo posto c’è sempre il Belgio (55,6%), poi Austria (49,4%), Germania (49,3%), Ungheria (49%,) e Francia (48,4%). Subito dopo di noi, ma staccata di qualche punto percentuale, c’è invece la Finlandia (43,9%).
In riferimento all’anno 2012, secondo recenti dati Istat, il costo medio per dipendente, al lordo delle imposte e dei contributi sociali, si aggira intorno ai 31 mila euro l’anno ma al lavoratore, sotto forme di retribuzione netta, finisce nelle tasche il 53,3%, vale a dire poco più della metà per un importo medio di 16.498 euro.
Dunque il cuneo fiscale – la differenza tra il costo sostenuto dal datore di lavoro e la retribuzione netta del lavoratore – arriva al 46,7%, in aumento rispetto ai livelli del 2011 quando si attestava al 46,3%.
L’Ocse considera inoltre la composizione familiare. L’anno scorso il peso della tassazione su una famiglia monoreddito con due figli si è attestato al 39%, vale a dire 0,5 punti in più del 2013 (al quarto posto tra i paesi Ocse). Per i single, invece, il cuneo fiscale è arrivato al 48,2%, collocando il nostro paese, appunto, al sesto posto della speciale classifica.
In definitiva il costo medio del lavoro per un dipendente italiano, a parità di potere di acquisto, è pari a 55.395 dollari (in questo caso la posizione occupata è la 16esima) mentre il salario lordo è sceso a 40.426 dollari (in pratica 30.463 euro, 19esimo posto).
E qui si evidenzia una prima discrepanza rispetto ai paesi che sono al di sopra del nostro per costo del lavoro e che presentano un tasso di disoccupazione nettamente inferiore. La crescita dei salari nel 2014 è stata dell’1,4% quando in Germania, ad esempio, è risultata essere il doppio. È in Grecia, a fronte di un numero maggiore di ore lavorate, che si è registrato un calo importante (del 2,9%) e in Portogallo (dell’1,2%).

(articolo pubblicato il 21 aprile 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Cina: “Dal G7 ingerenza, bugie e accuse infondate”

“Bugie, voci e accuse infondate nel corso del club dei Sette Grandi del mondo”. Lo ha affermato l’ambasciata della Cina nel Regno Uniti. “Il G7…

14 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, da oggi 40 milioni di persone in zona bianca. Draghi: “Quarantena per arrivi da Gb in caso di aumento contagi”

Dalla giornata di lunedì 14 giugno 40milioni di persone si troveranno in zona bianca, tornando cosi gradualmente ad una vita normale, mantenendo comunque mascherine e…

14 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

G7: “Chiarezza su provenienza del coronavirus”

Nel G7, i grandi hanno chiesto all’Oms di poter agire in maniera tempestiva e trasparente sull’origine del Covid. Biden ha dichiarato che il mondo ancora…

14 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: “Rivaluteremo accordo con la Cina sulla Via della Seta”

“L’Italia rivaluterà l’accordo con la Cina sulla Via della Seta”. A dirlo è stato il premier italiano, Mario Draghi al termine del vertice di Carbis…

14 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia