I risultati di Facebook, Yahoo! e eBay | T-Mag | il magazine di Tecnè

I risultati di Facebook, Yahoo! e eBay

Facebook-on-Nasdaq-CroppedL’effetto di Marissa Mayer sui risultati economici di Yahoo! ancora non si vede, il social network di Mark Zuckerberg accusa il colpo delle mire espansionistiche mettendo a segno utili inferiori alle attese mentre eBay, il colosso dell’e-commerce, taglia il numero dei suoi dipendenti. Ecco com’è iniziato il 2015 per tre tra i principali attori della web-economy.
Come anticipato, Marissa Mayer, ormai da quasi tre anni amministratore delegato di Yahoo!, non è ancora riuscita a ottenere i risultati sperati. Nonostante le divisioni video e mobile siano tornate a galla, i conti delle pubblicità si riflettono negativamente sui numeri dell’intero trimestre.
Nei primi tre mesi dell’anno, infatti, il portale ha registrato un crollo del 93% per gli utili, retrocedendo quindi a 1,04 miliardi di dollari, e un aumento del 19% delle spese operative, che hanno raggiunto quota 1,31 miliardi di dollari. Alla diffusione dei conti trimestrali il titolo ha perso il 2%.
Sui risultati di Facebook hanno pesato invece gli investimenti (quindi le varie applicazioni, come WhatsApp, e le relative nuove assunzioni) e il rafforzamento del dollaro. Al termine del primo trimestre il social network ha riportato un calo degli utili e realizzato un fatturato inferiore alle attese. In termini di profitti si registra un calo del 20% a 512 milioni di dollari mentre il giro di affari, aumentato del 42%, si è fermato a 3,54 miliardi di dollari contro i 3,56 miliardi stimati in precedenza. In particolare il rafforzamento del dollaro è costato alla crescita del giro d’affari il 7%.
Osservando da più vicino le entrate si può notare come quelle pubblicitarie siano salite del 46% secondo la valuta corrente e del 55% a valore costante (quindi senza calcolare il rafforzamento del dollaro). In totale il giro d’affari derivante dalla pubblicità è ammontato a 3,32 miliardi di dollari.
Gli utenti quotidiani attivi sono aumentati del 17%, a 936 milioni, mentre quelli mensili del 13% a 1,44 miliardi. Di questi ultimi 1,25 miliardi accedono via mobile e rappresentano il 70% dell’utenza totale.
Per quanto riguarda invece eBay i primi tre mesi dell’anno hanno portato alla luce risultati migliori di quanto sperato. Il fatturato è cresciuto del 4% arrivando a toccare i 4,45 miliardi di dollari, mettendo a segno un utile netto di 656 milioni di dollari. Nonostante i buoni risultati ottenuti dalla controllata PayPal, che nello stesso periodo ha riportato un aumento del 14% nelle entrate, per il terzo trimestre è prevista una separazione e , in vista di ciò, il colosso dell’e-commerce ha già tagliato l’organico di 2.400 persone (-7%).

(articolo pubblicato il 2 aprile 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Corea del Nord, Kim: «Situazione alimentare tesa»

Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha ammesso che la situazione alimentare nel paese è «tesa», secondo quanto riferito dai media statali. Secondo l’agenzia ufficiale Kcna,…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Covid, Francia: anticipata la fine del coprifuoco: la misura verrà interrotta il 20 giugno

La Francia anticipa la fine del coprifuoco di dieci giorni, dalla fine del mese al 20 giugno. Ad annunciato, al termine del Consiglio dei ministri,…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Ue dà l’ok al ritorno dei turisti americani anche non vaccinati

L’Ue apre le porte ai turisti americani anche non vaccinati. Le limitazioni cadranno anche per altri 8 Paesi: Albania, Macedonia del Nord, Serbia, Libano, Taiwan,…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2020 cresce povertà assoluta, 5,6 mln, top da 2005”

“Nel 2020, sono in condizione di povertà assoluta poco più di due milioni di famiglie (7,7% del totale da 6,4% del 2019) e oltre 5,6…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia