Nuovi contratti, i numeri del lavoro | T-Mag | il magazine di Tecnè

Nuovi contratti, i numeri del lavoro

di Fabio Germani

operai_lavoroAumentano le attivazioni di nuovi contratti di lavoro. Una buona notizia, molto più in un periodo di prolungata crisi occupazionale (l’Italia presenta ancora un tasso di disoccupazione piuttosto alto). Il saldo (attivazioni-cessazioni) risulta così in attivo nel mese di marzo, secondo i dati (comunque provvisori) del ministero del Lavoro.
Il saldo è attivo per 92.299 unità, a fronte delle 641.572 nuove attivazioni e delle 549.273 cessazioni, per un incremento rispetto al 2014 pari a 21.540 unità. Di questi il saldo dei nuovi contratti stabili è positivo per 31.370 unità. L’effetto combinato di decontribuzione prevista dalla Legge di Stabilità e tutele crescenti del Jobs Act comincia perciò a dare i primi risultati: l’incidenza dei contratti a tempo indeterminato si attesta al 25,3% (era del 17,5% a marzo 2014).
I dati, non definitivi e al netto del lavoro domestico e della Pa, snocciolati dal governo fanno il paio con le stime di pochi giorni fa del Centro Studi Cna (Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa). Secondo la Cna, infatti (su un campione di 20.500 Pmi), le assunzioni a marzo sono risultate nelle piccole imprese 3.245, vale a dire l’8,6% in più rispetto allo stesso mese dello scorso anno. L’aumento dei contratti stabili, in particolare, è stato del 54,6%.
In generale, però, non sempre le nuove attivazioni di contratti corrispondono a effettivi nuovi posti di lavoro. I rapporti a termine trasformati in contratti a tempo indeterminato sono stati 40.034, sempre secondo il ministero del Lavoro, un numero ad ogni modo ragguardevole se si considerano le 22.116 trasformazioni di marzo 2014.
Per creare nuova occupazione, capace cioè di rilanciare il mercato del lavoro, è necessario che l’economia ritrovi slancio, superando almeno gli strascichi più pesanti della crisi economica. L’Italia è reduce da una lunga fase recessiva, con ripercussioni sul tasso di posti vacanti, ovvero il rapporto percentuale tra i posti vacanti e la somma di posti vacanti e posizioni lavorative occupate. Il tasso di posti vacanti si è attestato stabilmente allo 0,5% nel 2014, secondo le rilevazioni Istat.
Un’economia in flessione crea aspettative negative alle imprese, che perciò riducono la produzione. Allora non si cerca personale, né si rende possibile l’apertura di nuovi posti. Il trend è destinato a cambiare attraverso una ripresa duratura e condizioni più favorevoli alle imprese allo scopo di incentivare nuove assunzioni.

(articolo pubblicato il 23 aprile 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, Biden: «C’è un enorme interesse per avere un grande rapporto con Nato e Ue»

«C’è un enorme interesse per avere un grande rapporto con la NATO e l’Ue». Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, incontrando…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Il virus è più rapido dei vaccini»

«Il virus si sposta più rapidamente della distribuzione mondiale dei vaccini». A denunciarlo il direttore generale dell’Oms, Adhanom Ghebreyesus, invitando i Paesi produttori un maggiori…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, negli Usa 10mila nuovi casi: la California lo Stato più colpito dalla pandemia

Gli Stati Uniti nelle ultime 24 ore hanno registrato 193 decessi e 10.800 nuovi casi.  La California è ora lo stato più colpito dalla pandemia…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina contro la Nato: “Esagerate con la teoria della minaccia”

“La Nato vuole creare scontri”. E’ l’accusa lanciata dalla Cina in seguito all’accordo raggiunto dagli alleati occidentali su un’azione comune di contrasto alle politiche, spesso…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia