Quanto guadagnano i professionisti della filiera alimentare | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quanto guadagnano i professionisti della filiera alimentare

ciboL’Expo Milano 2015, l’Esposizione universale che inizierà il 1° maggio per poi concludersi il 31 ottobre, sarà interamente dedicata ad un unico tema: l’alimentazione. Si tratta di un’occasione importante per il comparto agroalimentare del nostro Paese, che rappresenta la seconda industria manifatturiera in Italia, dietro soltanto a quella metalmeccanica.
Nel corso del 2013, stando ai dati raccolti dall’Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare (Ismea), il valore dei prodotti agroalimentari – stimato ai prezzi d’acquisto sul mercato finale – è stato pari a 162 miliardi di euro, che raggiungono addirittura i 208 miliardi se si considera anche quanto generato dai servizi di ristorazione (il cosiddetto consumo extra-domestico).
Circa il 13,4% del Prodotto interno lordo italiano è riconducibile così alla filiera alimentare (agricoltura e allevamento, servizi di ristorazione, commercio e grande distribuzione, servizi di ristorazione) che impiega migliaia di lavoratori (oltre 2 milioni e 400 mila persone, secondo i dati Istat aggiornati al 31 dicembre del 2011). Ognuno dei quali, naturalmente, percepisce a seconda dell’impiego svolto una diversa retribuzione annuale lorda (Ral).
Secondo uno studio condotto da JobPricing, la retribuzione media lorda nel comparto agricolo e nella ristorazione è di poco superiore ai 22 mila euro. Un salario medio inferiore rispetto a quello riconosciuto a chi, invece, lavora nel settore industriale (28.076 euro) e in quello commerciale e della distribuzione (30.099 euro), dove le paghe risultano più consistenti. Del resto, osserva il rapporto, si tratta di settori caratterizzati da una maggiore presenza di figure impiegatizie e di più alto livello tecnico-specialistico.
Esistono comunque differenze sostanziali dovute alla natura dell’impiego, osserva JobPricing. Ad esempio, si passa così dai 104 mila euro annui lordi percepiti da un direttore di stabilimento, ai 24 mila di un addetto alle vendite nella grande distribuzione o ai 20 mila euro di un cameriere. Lo stipendio medio annuo di uno chef, invece, è pari a 33.773 euro contro i 24.772 di un sommelier o i 40.978 euro di un responsabile di un punto vendita nel commercio e nella grande distribuzione.

(articolo pubblicato il 24 aprile 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Oms: «Il Covid è ancora un’emergenza sanitaria internazionale»

Il Covid «continua a costituire un’emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale». Così Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms, l’Organizzazione mondiale della Sanità, nel rapporto…

30 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente, nel 2022 in 29 città italiane superati i limiti giornalieri di PM10

«Nel 2022, 29 città su 95 hanno superato i limiti giornalieri di PM10». Lo denuncia Legambiente, con il report “Mal’Aria di città 2023: cambio di…

30 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inflazione, Giorgetti: «Il tessuto economico tiene»

«L’attuale scenario internazionale è caratterizzato ormai da da diversi mesi da un’inflazione diffusa, eccezionalmente elevata e persistente, che sta esercitata grande pressione sulle famiglie e…

30 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania: nel quarto trimestre Pil in diminuzione (-0,2%)

Nel quarto trimestre, il Prodotto interno lordo tedesco è diminuito dello 0,2% su base trimestrale. Lo rende noto Destatis, l’Ufficio federale di statistica, diffondendo una…

30 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia