Le difficoltà del settore delle costruzioni | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le difficoltà del settore delle costruzioni

costruzioni_impreseAlcuni dati non devono trarre in inganno. Nonostante la crescita del numero dei mutui concessi e l’aumento delle compravendite immobiliari, il settore delle costruzioni versa in condizioni molto difficili. Tanti sono stati i posti di lavoro persi e molte le imprese costrette a chiudere i battenti nel corso del 2014, a riprova del fatto che una ripresa vera e propria del comparto è (probabilmente) ancora lontana.
Secondo Confartigianato, ad esempio, tra marzo 2014 e febbraio 2015 il valore della produzione del settore delle costruzioni nel nostro Paese è diminuito del 5,8% rispetto ai 12 mesi precedenti. Un calo consistente e che, inoltre, non trova riscontro nel resto dell’Unione europea e nella zona euro. Dove, al contrario, nello stesso arco temporale l’attività delle imprese edili è aumentata rispettivamente dell’1,6% e dello 0,4%.
E così mentre in Spagna, Regno Unito e Germania il comparto delle costruzioni è tornato a crescere, in Italia il valore della produzione è diminuito costantemente. Tanto da risultare inferiore, tra marzo 2014 e febbraio 2015, del 42,5% rispetto al periodo precedente alla crisi economica (settembre 2007-agosto 2008).
Le ripercussioni sul fronte occupazionale sono state inevitabilmente negative: durante il 2014, infatti, il settore ha perso ben 96 mila posti di lavoro (-6,2%). Un dato in controtendenza rispetto al trend dell’occupazione complessiva che, alla fine del 2014, ha registrato un aumento di 131.600 unità. Ad oggi, complice i cali degli ultimi anni, il comparto delle costruzioni impiega così ‘soltanto’ 1.454.000 lavoratori: il minimo storico, sottolinea Confartigianato. Il 2014 è stato dunque un anno difficile per le 536.814 aziende attive nel settore, molte delle quali (5.646 imprese) sono state costrette a chiudere i battenti.
Quanto basta, secondo Confartigianato, per accogliere con la dovuta cautela la crescita dei mutui concessi alle famiglie per l’acquisto di una casa e l’aumento delle compravendite immobiliari registrato nel 2014 dall’Agenzia delle Entrate. Secondo cui lo scorso anno le compravendite – complice anche il calo dei prezzi che ha interessato sia le abitazioni nuove che quelle esistenti – sono tornate a crescere dopo sette anni di flessioni dell’1,8% su base annua: 920.849 unità contro le 904.960 del 2013.

(articolo pubblicato il 28 aprile 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, la Bce ha alzato i tassi di interesse di mezzo punto percentuale

La BCE, la Banca centrale europea, ha alzato i tassi d’interesse di mezzo punto percentuale, portando il tasso sui rifinanziamenti principali al 3%, quello sui…

2 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Lavrov: «Tutta la Nato combatte contro la Russia»

«Tutta la Nato combatte contro di noi». Così il ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov, intervenendo nel corso di un’intervista rilasciata a Ria Novosti. Secondo…

2 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Von der Leyen: « Putin combatte per negare un futuro all’Ucraina ma invece rischia il futuro della Russia»

«Combattete non solo per voi, perché a rischio c’è la libertà, ci troviamo davanti a una lotta fra democrazie e regimi autoritari: Putin combatte per…

2 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti-Filippine, accordo per accesso Usa a quattro basi militari

L’alleanza Stati Uniti-Filippine «rende le nostre democrazie più sicure e aiuta a sostenere un Indo-Pacifico libero e aperto». Lo ha affermato il segretario alla Difesa…

2 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia