I costi della giustizia italiana per le imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

I costi della giustizia italiana per le imprese

donne impreseIl ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan ha voluto porre l’accento sui costi della giustizia civile in Italia, giudicandoli “intollerabili”. Ma, al di là della spesa sostenuta per garantirne il funzionamento, una macchina giudiziaria realmente efficiente risulta determinante per lo sviluppo dell’economia di un Paese.
Un parere condiviso da molti: secondo la Banca Mondiale, ad esempio, una giustizia civile è efficace quando riesce a garantire procedimenti di durata ragionevole. Tempi lunghi di risoluzione delle controversie, spiega nel suo Doing Business, generano incertezza e infliggono costi elevati alle imprese, che in molti casi – una volta coinvolte in un procedimento giudiziario – devono aspettare parecchio prima di vederne la conclusione. Specialmente in Italia.
Stando ad una stima del Fondo monetario internazionale (Fmi), nel nostro Paese occorrono circa 1.200 giorni (3 anni e un mese, in pratica) per ottenere una decisione definitiva da parte di un giudice in una causa civile: tre volte di più rispetto a quanto accade in Paesi come la Germania, la Spagna e la Francia. Con costi ingenti: secondo un calcolo elaborato da Confartigianato, le (lunghe) attese nelle aule giudiziarie richiedono alle imprese italiane una spesa pari a 1.032 milioni di euro l’anno.
Riformare la giustizia civile è quindi una priorità per il nostro Paese, dove – nonostante i problemi fin qui evidenziati – la spesa pubblica sostenuta per consentire il funzionamento dei tribunali italiani è sostanzialmente in linea con quella europea: in Italia, infatti e stando i dati citati da Confartigianato, la spesa per la giustizia si attesta allo 0,3% del Prodotto interno lordo contro lo 0,4% del Pil registrato nella media dell’Ue.
Una volta attuata, si è detto convinto il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, la riforma della giustizia avrà effetti positivi sul Prodotto interno lordo italiano: le stime del governo, contenute nel Documento di economia e finanza (Def), prevedono un impatto pari allo 0,1% del Pil entro il 2020, allo 0,2% del Pil entro il 2025 e allo 0,9% del Pil nel lungo periodo.

(articolo pubblicato il 4 maggio 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Fauci: «La mancanza di sincerità e di fatti è costata vite umane»

«La mancanza di sincerità e di fatti sul fronte della pandemia è costata molto probabilmente vite umane». Lo ha detto il virologo statunitense, Anthony Fauci,…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery Fund, Conte: «Ha una valenza trasformativa per il Paese»

«Questo piano ha una valenza trasformativa per il Paese». Lo avrebbe detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al termine dell’incontro con i sindacati sul…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Bankitalia: «Nel 2020 è cresciuta notevolmente la quota di imprese che usano lo smart working»

Nel 2020, complici le misure restrittive introdotte a causa dell’emergenza sanitaria, la quota delle imprese che hanno fatto ricorso allo smart working è cresciuta in…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’indice Rt è sceso a 0,97 dopo cinque settimane in aumento

Nel periodo compreso tra il 30 dicembre 2020 e il 12 gennaio 2021, l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,97 (range 0,85-1,11),…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia