Gli effetti del calo dei consumi sulla Gdo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli effetti del calo dei consumi sulla Gdo

spesa_consumi_famiglieL’andamento della Grande distribuzione organizzata può definirsi il riflesso degli effetti della crisi economica sul potere d’acquisto e sui consumi degli italiani. Perché a ben vedere, in effetti, il settore non gode di un perfetto stato di salute.
Per quanto una lieve ripresa sia a portata di mano – come del resto conferma la Commissione europea – alcuni indicatori risultano troppo altalenanti per ritenere che tutto sia definitivamente alle spalle. I consumi, anch’essi in risalita, stentano però a decollare e il dato stabile dei prezzi di aprile sta a indicare una domanda interna sostanzialmente debole, con il pericolo deflazione non del tutto scongiurato.
In questo senso anche la Grande distribuzione organizzata (Gdo), ovvero il sistema di grandi strutture per la vendita al dettaglio, sta subendo quello che è a tutti gli effetti un meccanismo poco virtuoso. Il fatturato della grande distribuzione, infatti, è sceso progressivamente negli ultimi due anni, portando il comparto (super e iper-mercati, discount, liberi servizi e specialisti drug) a perdere all’incirca il 2,1% nell’arco del 2014, confermando la dinamica negativa del 2013.
Tanti gruppi stranieri, nel food e nel non food, si sono così visti costretti ad abbandonare il nostro paese. Più in generale il trend comprende l’abbattimento del costo del lavoro attraverso licenziamenti, posti a rischio e ricorso prolungato agli ammortizzatori sociali. Ma è una questione anche di abitudini che cambiano, non solo di crisi economica.
I consumatori acquistano di più online, ad esempio (con una crescita, nell’insieme, dell’8% nel 2014). E c’è, inoltre, una tendenza più ampia rispetto al passato a risparmiare. Non a caso negli ultimi anni è cresciuto anche il numero di discount aperti, “boom” evidentemente non in grado di compensare le perdite registrate dalla Gdo nel suo complesso.
A tutto ciò si aggiunga infine una carenza di tipo “strutturale”. Secondo uno studio Mediobanca la presenza di strutture della Grande distribuzione sopra i mille metri quadri è pari al 53%, nel Regno Unito si attesta invece all’80%, in Francia al 77% e in Spagna al 62%, ma in generale i primi tre operatori in Italia rappresentano il 34% del mercato, contro il 61% del Regno Unito e della Germania, il 54% della Spagna e il 53% della Francia. Il confronto con il resto d’Europa ci vede indietro anche sul fronte dei volumi e dei prezzi di vendita. Mentre in Europa i primi, tra il 2008 e il 2013, sono cresciuti del 3,5% e i secondi del 12,7%, in Italia i volumi sono cresciuti solo dello 0,3%, mentre i prezzi hanno registrato un incremento del 3%.

(articolo pubblicato il 6 maggio 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Fauci: «La mancanza di sincerità e di fatti è costata vite umane»

«La mancanza di sincerità e di fatti sul fronte della pandemia è costata molto probabilmente vite umane». Lo ha detto il virologo statunitense, Anthony Fauci,…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery Fund, Conte: «Ha una valenza trasformativa per il Paese»

«Questo piano ha una valenza trasformativa per il Paese». Lo avrebbe detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al termine dell’incontro con i sindacati sul…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Bankitalia: «Nel 2020 è cresciuta notevolmente la quota di imprese che usano lo smart working»

Nel 2020, complici le misure restrittive introdotte a causa dell’emergenza sanitaria, la quota delle imprese che hanno fatto ricorso allo smart working è cresciuta in…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’indice Rt è sceso a 0,97 dopo cinque settimane in aumento

Nel periodo compreso tra il 30 dicembre 2020 e il 12 gennaio 2021, l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,97 (range 0,85-1,11),…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia