Quanto è costata la crisi ucraina, secondo Nemtsov | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quanto è costata la crisi ucraina, secondo Nemtsov

di Mirko Spadoni

vladimir_putinBoris Nemtsov ha curato un rapporto che difficilmente sarebbe piaciuto al presidente russo Vladimir Putin. Si tratta di un report postumo: considerato uno dei principali oppositori del Cremlino, Nemtsov è stato ucciso a Mosca il 27 febbraio scorso e per il cui assassinio sono stati arrestati cinque cittadini ceceni.
Il giorno scelto per la diffusione del rapporto, scritto anche grazie alla collaborazione del direttore Ricerche macroeconomiche all’Alta Scuola di economia di Mosca Serghej Alaksashenko, non è (forse) casuale: martedì 12 maggio era in programma un incontro a Sochi tra il presidente russo, Vladimir Putin, e il segretario di Stato statunitense, John Kerry. Un incontro che, se si considerano i recenti e tesi rapporti tra i due Paesi sulla crisi ucraina, che coinvolge il governo di Kiev e i ribelli filo-russi, assume una valenza particolare. Nel report, lungo 64 pagine e stampato (momentaneamente) in sole tremila copie, gli autori raccontano la storia di 220 soldati russi uccisi in Ucraina orientale, 70 dei quali a Debaltseve e il resto a Ilovasysk. Morti sulle quali Mosca avrebbe voluto mantenere il più assoluto riserbo, pagando il silenzio dei familiari delle vittime: secondo Nemtsov, le famiglie dei caduti avrebbero ricevuto fino a due milioni di rubli ciascuna (35 mila euro). Oltre a smentire sostanzialmente la versione ufficiale del Cremlino, che da sempre nega il coinvolgimento dei suoi militari nel conflitto tra Kiev e i separatisti filo-russi, Nemtsov ha fatto i conti in tasca alla Russia. Dieci mesi di guerra in Ucraina sarebbero costati 53 miliardi di rubli (circa un miliardo di euro): sette miliardi sarebbero stati usati per mantenere e riparare gli armamenti, altri 21 miliardi sarebbero stati utilizzati per il mantenimento dei seimila soldati impegnati nel conflitto ucraino al fianco dei separatisti filo-russi, alcuni dei quali – circa 30 mila, secondo il rapporto – sarebbero stati addestrati a spese di Mosca, disposta a sborsare 25 miliardi di rubli. Le voci di spesa non si esauriscono qui, però: la Russia avrebbe usato 80 miliardi di rubli per i profughi scappati nelle regioni Donetsk e Luhansk. Ma c’è di più. Perché anche l’annessione della Crimea ha avuto un costo, osserva il rapporto. Secondo cui, complici le sanzioni disposte dalla comunità internazionale e l’embargo alimentare, i russi hanno subìto riduzioni salariali e perso parte dei loro risparmi per una cifra vicina ai 2.750 miliardi di rubli.

segui @SpadoniMirko

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, la Francia anticipa il coprifuoco alle 18

Il virus continua a costringere i governi ad adottare misure più stringenti per contenere la pandemia: dopo la Cina, che ha imposto il lockdown in…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Paesi Bassi: si è dimesso il governo guidato da Rutte

Il governo olandese si è dimesso. Lo ha annunciato il premier Mark Rutte, in carica dal 2010. Fatale uno scandalo che ha coinvolto circa 20mila…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, misure più dure per entrare in Belgio dai Paesi extra Ue

Il Belgio, a causa del protrarsi della pandemia, ha inasprito le regole per l’ingresso dai Paesi extra Ue, incluso il Regno Uniti.  In concreto, ai…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Berlino: «Prendere molto sul serio la mutazione del virus»

«Il governo osserva con grande attenzione gli effetti della mutazione del Covid, che si è diffusa in Gran Bretagna e Irlanda, e anche i Laender…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia