L’importanza di investire nella banda ultra larga | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’importanza di investire nella banda ultra larga

internetIl presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha ribadito che l’estensione della banda ultra larga è tra gli obiettivi strategici del governo. Non potrebbe essere altrimenti. Del resto tanti sono i vantaggi – non solo economici – offerti dalla banda ultra larga, ad oggi ancora scarsamente diffusa nel nostro Paese.
Secondo uno studio della Commissione europea, che considera il numero di sottoscrizioni tra privati ed imprese, l’Italia è agli ultimi posti sulla diffusione della banda larga ad alta velocità (velocità pari o superiore a 30 megabit al secondo, mbps) e al penultimo posto per quanto riguarda la diffusione della banda ultra larga veloce (velocità pari o superiore a 100 mbps). Peggio di noi fa soltanto la Grecia.
Un ritardo che il nostro Paese intende colmare al più presto: la Strategia italiana per la banda ultra larga, presentata nel novembre scorso, prevede – attraverso investimenti per 6 miliardi di euro pubblici e 2 miliardi privati – la copertura per l’85% della popolazione con connettività di almeno 100 mbps e di almeno 30 mbps per il restante 15% entro il 2020.
D’altronde la diffusione della banda ultra larga offre diversi vantaggi: migliora, come spiegato qualche tempo fa dal ministero dello Sviluppo economico (Mise), la qualità della vita dei cittadini e consente alle imprese di aumentare la propria produttività. Con inevitabili e positive ripercussioni sull’economia: per la Banca mondiale, ad esempio, una variazione di 10 punti percentuali della penetrazione della banda larga può generare una crescita aggiuntiva del Prodotto interno lordo (Pil) dei Paesi sviluppati, pari all’1,2%.
Elementi più che sufficienti per comprendere i ripetuti inviti della Commissione europea ad incentivarne la diffusione. Entro il 2020, secondo gli obiettivi posti dall’Agenda digitale europea, almeno il 50% delle famiglie europee potrà abbonarsi ad Internet con connessioni al di sopra di 100 mbps. Rimanere indietro non è possibile per l’Ue. Secondo cui il ritardo con cui si diffonde Internet ad alta ed altissima velocità si ripercuote (negativamente) sulla capacità dei Paesi europei di innovare, diffondere la conoscenza e di permettere ai cittadini di usufruire di servizi online, compresi quelli pubblici essenziali.

(articolo pubblicato il 12 maggio su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Fed lascia invariati i tassi

La Fed ha deciso di lasciare i tassi invariati nella sua prima riunione dell’era di Joe Biden e Janet Yellen. Il costo del denaro resta…

28 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Aeroporti, 2020 chiuso con 53milioni di passeggeri: -140milioni rispetto al 2019

«Il sistema aeroportuale italiano chiude il 2020 con soli 53 milioni di passeggeri contro i 193 milioni del 2019. Calo drammatico per gli scali nazionali…

28 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps: «795mila nel 2020, aumento del 7,42% rispetto al 2019»

«L’Inps ha liquidato nel 2020 795.730 nuove pensioni con un aumento del 7,42% sulle 740.486 liquidate nel 2019. Boom per le nuove pensioni di vecchiaia…

28 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «La fiducia delle consumatori cala nel mese di gennaio, ma sale quello delle imprese»

«A partire dal mese di gennaio 2021 l’Istat modifica la metodologia di stima delle variabili relative all’indagine sui consumatori. Le serie storiche delle frequenze percentuali…

28 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia