Il peso del fisco su lavoratori e imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il peso del fisco su lavoratori e imprese

Secondo uno studio della Cna, le piccole imprese “lavoreranno per il fisco” fino al 14 agosto: sei giorni in meno rispetto al 2014
di Mirko Spadoni

impreseIl peso del fisco italiano è noto. Ad esempio, nel 2015 per poter adempiere a tutti gli oneri fiscali, chi percepisce un reddito inferiore ai 24 mila euro ha dovuto lavorare dal 1° gennaio al 12 maggio. Ma c’è anche chi – si vedano le imprese – potranno celebrare il cosiddetto tax free day soltanto tra qualche mese.
Lo studio considera il reddito disponibile di un operaio tipo, con moglie e figlio a carico e uno stipendio mensile netto, che complice il bonus Irpef degli 80 euro tocca i 1.631 euro. Gli analisti della Cgia hanno preso poi in considerazione l’ammontare delle imposte, delle tasse e dei contributi “gravanti” sul reddito e sui consumi che il contribuente tipo versa allo Stato (9.627 euro), suddividendolo per il guadagno giornaliero ottenuto dividendo il reddito disponibile per i 365 giorni dell’anno. Il risultato? Nel 2015, l’operaio tipo lavorerà fino al 13 maggio per poter assolvere a tutti gli oneri fiscali: un giorno prima rispetto al 2014.
Il motivo: contrariamente a quanto accaduto lo scorso anno, il bonus mensile degli 80 euro – divenuto permanente con la legge di Stabilità 2015 – ha avuto effetti a partire da gennaio, consentendo un guadagno netto annuo aggiuntivo di 320 euro. Soldi a cui va ad aggiungersi il risparmio dovuto alla lievissima riduzione delle accise sui carburanti, pari a 0,24 centesimi al litro, che diventano 0,29 se si considera anche il risparmio Iva.
Tuttavia il risultato della simulazione potrebbe essere rivisto, avverte la Cgia. Non potendo disporre di informazioni oggettive sulla tassazione locale (addizionale Irpef, Imu e Tasi), nel corso della simulazione sono state utilizzate le medesime aliquote del 2014. Aliquote che, per esigenze di bilancio, alcuni Comuni potrebbero aumentare.
Preoccupano anche le clausole di salvaguardia, specie quelle previste dalla legge di Stabilità 2015. Qualora la Commissione europea non approvasse le nuove regole in materia di fatturazione verso la pubblica amministrazione (split payment) e verso la grande distribuzione (estensione del reverse charge), per reperire 1,7 miliardi di euro è previsto l’aumento delle accise sui carburanti.
Non tutti potranno ‘celebrare’ il tax free day il 13 maggio, però: non beneficiando del bonus da 80 euro sull’Irpef, infatti, i lavoratori con redditi superiori ai 24 mila euro dovranno attendere sino al 23 giugno. Stando uno studio dell’Osservatorio della Confederazione nazionale dell’artigianato e della Piccola e Media impresa (Cna), invece, le piccole imprese “lavoreranno per il fisco” fino al 14 agosto: sei giorni in meno rispetto al 2014, grazie al taglio dell’Irap. Un calo che poteva essere più sostanzioso, “se – osserva la Cna – non fosse stato dimezzato dal maggior prelievo dell’Irpef e dei contributi previdenziali degli imprenditori”. Il taglio dell’Irap, infatti, si è trasformato in reddito d’impresa e pertanto immediatamente soggetto all’Irpef.
Si tratta comunque di una media a livello nazionale, osserva la Cna. Se l’impresa si trova a Cuneo, ad esempio, smetterà di “lavorare per il fisco” fino al 18 luglio. A Reggio Calabria, Bologna e Roma, dove il peso del fisco è maggiore, il tax free day è posticipato rispettivamente al 29, al 22 e al 18 settembre.

(articolo pubblicato il 13 maggio su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Giappone pronto ad estendere lo stato d’emergenza

Il governo giapponese è pronto ad estendere lo stato di emergenza se non si vedrà a breve una stabile diminuzione delle infezioni di coronavirus a…

27 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Mosca torna ad una vita normale

Mosca torna a vivere la normalità. Infatti, il sindaco Serghei Sobyanin, ha rimosso le ultime restrizioni imposte e ha spalancato di fatti le porte a…

27 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, negli Stati Uniti 142mila nuovi casi e 4mila decessi

Nelle ultime 24 ore negli Stati Uniti si sono registrati oltre 142mila casi di coronavirus e 4mila decessi.…

27 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 100milioni di casi nel mondo

I contagi da coronavirus da inizio pandemia hanno superato quota 100milioni. Purtroppo si contano anche 2.149.818 morti.…

27 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia