Ripartono gli investimenti esteri in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ripartono gli investimenti esteri in Italia

Nel 2013 (ultimo censimento disponibile) erano 9.367 le imprese italiane a partecipazione estera
di Matteo Buttaroni

investimentiDopo esser crollati a 0,09 miliardi nel 2012, gli investimenti esteri in Italia sono tornati a crescere nel 2013 rimanendo però ancora largamente inferiori rispetto ai livelli del 2007, ultimo anno prima dell’inizio della crisi economica. Nel 2014 l’Ice ha registrato un’altra crescita rispetto all’anno precedente, una dinamica che potrebbe migliorare ancora nel corso del 2015.
Gli investimenti esteri in Italia sono ammontati a oltre 20 miliardi di dollari nel 2014, cifra che nel 2013 si attestò a 17 miliardi (il 58% in meno rispetto al 2007, secondo il Censis). E’ quanto rilevato dall’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane (ICE).
Certo è che, nonostante i dati incoraggianti degli ultimi 24 mesi e le buone prospettive per l’anno in corso, l’Italia dovrà sudare per mettersi al pari con il resto d’Europa. Basti pensare che mentre la media Ue del rapporto degli investimenti esteri sul Pil si attesta al 49,4%, nel nostro Paese il dato scende al 19,5% (secondo le rilevazioni al 2013).
Se l’Italia vuole rimettersi in pari dovrà innanzitutto puntare sulle imprese del Mezzogiorno e del Centro perché, dati alla mano, l’internazionalizzazione riesce a coinvolgere quasi esclusivamente le imprese del Nord, con la Lombardia in testa.
Nel Rapporto Italia multinazionale 2014 l’ICE spiega che, a fine 2013, erano 9.367 le imprese italiane a partecipazione estera. Aziende che presentavano un giro d’affari di 497,6 miliardi di euro per un valore aggiunto di 106,8 miliardi di euro, e 915.906 dipendenti.
Dal 2000 l’andamento settoriale ha rilevato un lento cedimento (-22,3% in 13 anni) della partecipazione estera nelle imprese manifatturiere, in generale le più apprezzate dagli investitori di altri Paesi, e al contempo un aumento in quelle del settore terziario. Dal rapporto emerge poi che le imprese estere con partecipazioni di imprese base italiana sono 11.325, mentre quelle partecipate all’estero sono 30.513 e vantano oltre un milione e mezzo di dipendenti e più di 550 miliardi di euro di fatturato.

(articolo pubblicato il 15 maggio su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, la Francia anticipa il coprifuoco alle 18

Il virus continua a costringere i governi ad adottare misure più stringenti per contenere la pandemia: dopo la Cina, che ha imposto il lockdown in…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Paesi Bassi: si è dimesso il governo guidato da Rutte

Il governo olandese si è dimesso. Lo ha annunciato il premier Mark Rutte, in carica dal 2010. Fatale uno scandalo che ha coinvolto circa 20mila…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, misure più dure per entrare in Belgio dai Paesi extra Ue

Il Belgio, a causa del protrarsi della pandemia, ha inasprito le regole per l’ingresso dai Paesi extra Ue, incluso il Regno Uniti.  In concreto, ai…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Berlino: «Prendere molto sul serio la mutazione del virus»

«Il governo osserva con grande attenzione gli effetti della mutazione del Covid, che si è diffusa in Gran Bretagna e Irlanda, e anche i Laender…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia