L’impatto della crisi su lavoro e salari | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’impatto della crisi su lavoro e salari

Il rapporto dell’Ilo evidenzia come negli anni della crisi economica siamo aumentati di 30 milioni i disoccupati e diminuiti di 1.280 miliardi i salari

posto di lavoroSi sa, le conseguenze della crisi economica sono state molte. Uno studio dell’Organizzazione mondiale del Lavoro, ad esempio, ha stimato l’impatto globale che la recessione ha avuto sul mercato del lavoro e sui salari, due componenti che, insieme ad altri indicatori, determinano lo stato di salute di un Paese e dei suoi abitanti.
Innanzitutto, dallo studio è emerso che solo un lavoratore su quattro può vantare un’occupazione, per così dire, stabile: tre quarti dei lavoratori hanno infatti contratti temporanei, a breve termine o, addirittura, non hanno nessun tipo di contratto. Tra i lavoratori dipendenti, solo il 42% è stato assunto a tempo indeterminato.
Tra il 2008 e il 2014, emerge ancora dal Rapporto World Employement and social Outlook 2015, il numero dei disoccupati globali è aumentato di 30 milioni di unità interessando, in tutto, 201 milioni di persone.
Non è un caso che dal 2011 la crescita occupazionale del globo sia rimasta ferma al +1,4% annuo e che quella delle aree più industrializzate si sia ridotta, tra 2008 e 2014, a una media del +0,1% annuo, dal +0,9% annuo registrato tra il 2000 e il 2007.
Oltre ciò, gli anni della crisi hanno portato a una forte riduzione dei salari, tanto che, secondo le stime contenute del Rapporto, si parlerebbe di addirittura una contrazione della massa salariale pari a 1.280 miliardi tra il 2008 ed il 2014. Una cifra simile al Prodotto interno lordo italiano o all’1,2% della produzione mondiale o, ancora, pari al 2% del totale dei consumi dell’intero globo.
Quella dei salari è stata una riduzione legata soprattutto al divario occupazionale che, se colmato, con l’effetto sui consumi e su investimenti, potrebbe far aumentare il Pil globale di 3.700 miliardi di dollari.

(articolo pubblicato il 19 maggio su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, la Francia anticipa il coprifuoco alle 18

Il virus continua a costringere i governi ad adottare misure più stringenti per contenere la pandemia: dopo la Cina, che ha imposto il lockdown in…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Paesi Bassi: si è dimesso il governo guidato da Rutte

Il governo olandese si è dimesso. Lo ha annunciato il premier Mark Rutte, in carica dal 2010. Fatale uno scandalo che ha coinvolto circa 20mila…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, misure più dure per entrare in Belgio dai Paesi extra Ue

Il Belgio, a causa del protrarsi della pandemia, ha inasprito le regole per l’ingresso dai Paesi extra Ue, incluso il Regno Uniti.  In concreto, ai…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Berlino: «Prendere molto sul serio la mutazione del virus»

«Il governo osserva con grande attenzione gli effetti della mutazione del Covid, che si è diffusa in Gran Bretagna e Irlanda, e anche i Laender…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia