La distribuzione della ricchezza in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

La distribuzione della ricchezza in Italia

Secondo l'Ocse, nel nostro Paese l'1% della popolazione detiene il 14,3% della ricchezza nazionale netta

soldi_famiglie_crisiIn Italia, la ricchezza è in mano ad un gruppo (molto) ristretto di persone. Una distribuzione disomogenea certificata dall’Ocse, secondo cui la crisi economica ha contribuito a peggiorare la situazione della fascia più povera della popolazione.
Stando ad uno studio dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo economico (Ocse), in Italia la ricchezza nazionale netta – definita come la somma degli asset finanziari e non finanziari, meno le passività – è distribuita in modo molto disomogeneo, con una concentrazione accentuata verso l’alto. Nel nostro Paese, osserva l’Ocse, l’1% della popolazione detiene il 14,3% della ricchezza nazionale netta: il triplo rispetto al 40% più povero che possiede appena il 4,9%.
Nella distribuzione della ricchezza esistono forti squilibri, dunque. In Italia, infatti, il 20% più ricco (primo quintile) possiede il 61,6% della ricchezza, con il 20% appena al di sotto (secondo quintile) che detiene il 20,9%. Il restante 60% si spartisce il 17,4% della ricchezza nazionale, con il 20% più povero (quinto quintile) che si deve accontentare dello 0,4%.
Tuttavia esistono enormi differenze anche tra i componenti della fascia più ricca: il 5% più ricco della popolazione, infatti, possiede infatti il 32,1% della ricchezza nazionale netta – in pratica, oltre la metà di quanto detenuto dal primo quintile (il 61,6%) – e di questa all’incirca la metà (il 14,3%) è in mano all’1% più ricco.
L’avvento della crisi economica ha peggiorato soltanto la situazione, osserva l’Ocse. Secondo cui a farne le spese sono stati principalmente i più poveri: nel periodo compreso tra il 2007 e il 2011, infatti, la perdita di reddito disponibile è stata più marcata per il 10% più povero della popolazione rispetto al 10% più ricco (- 4% contro – 1%).
I dati dell’Ocse fanno il paio con quelli citati solo qualche giorno fa dal presidente dell’Inps, Tito Boeri. Secondo cui, nei sei anni della crisi economica, si è verificato un aumento dell’incidenza della povertà di circa un terzo, con la percentuale delle famiglie che si trovano al di sotto della soglia di povertà passata dal 18 al 25%. Ad oggi sono 15 milioni le persone che si trovano in questa condizione. Erano 11 milioni, prima della crisi.

(articolo pubblicato il 22 maggio su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Fauci: «La mancanza di sincerità e di fatti è costata vite umane»

«La mancanza di sincerità e di fatti sul fronte della pandemia è costata molto probabilmente vite umane». Lo ha detto il virologo statunitense, Anthony Fauci,…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery Fund, Conte: «Ha una valenza trasformativa per il Paese»

«Questo piano ha una valenza trasformativa per il Paese». Lo avrebbe detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al termine dell’incontro con i sindacati sul…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Bankitalia: «Nel 2020 è cresciuta notevolmente la quota di imprese che usano lo smart working»

Nel 2020, complici le misure restrittive introdotte a causa dell’emergenza sanitaria, la quota delle imprese che hanno fatto ricorso allo smart working è cresciuta in…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’indice Rt è sceso a 0,97 dopo cinque settimane in aumento

Nel periodo compreso tra il 30 dicembre 2020 e il 12 gennaio 2021, l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,97 (range 0,85-1,11),…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia