Esportazioni extra-Ue in calo ad aprile | T-Mag | il magazine di Tecnè

Esportazioni extra-Ue in calo ad aprile

Mentre le esportazioni scendo l’import sale di 1,5 punti percentuali. Tuttavia il saldo rimane in attivo per oltre miliardi di euro

esportazioniCome visto qualche giorno fa, a marzo le esportazioni hanno registrato l’ennesima variazione positiva portando così il saldo della bilancia commerciale del Paese a quattro miliardi di euro. Al dato di marzo un importante contributo era arrivato dal commercio verso i Paesi extra-Ue, un indicatore che ad aprile ha registrato, però, una variazione negativa.
Secondo quanto rilevato dall’Istat, infatti, nel quarto mese dell’anno i flussi commerciali con i Paesi al di fuori dell’Unione hanno registrato un calo del 2% per le esportazioni e una crescita dell’1,5% per le importazioni. Se si prendono invece in considerazione il primo quadrimestre del 2015 e l’ultimo del 2014 si notano crescite per entrambi i flussi: +4,8% per le esportazioni e +4,5 per le importazioni.
Su base annua l’export è stato interessato da una crescita del 12,2%, risultato di un aumento di tutte le componenti (soprattutto quello dei prodotti intermedi,+15.7%, e quello dei beni di consumo durevoli, +13,5%), esclusa l‘energia (-1,7%).
Il saldo commerciale viaggia ancora in territorio positivo. Se si considera il mese di aprile la bilancia si attesta a 2.652 milioni di euro, mentre per il periodo gennaio-aprile a 19.1 milioni di euro.
A comportare la variazione negativa mensile di due punti percentuali del commercio verso l’estero sono state le performance negative rilevate per i beni strumentali, scesi del 6,8%, e per l’energia, -5,4%. In crescita del 5% si sono mostrati i beni di consumo durevoli, mentre una crescita più lieve è stata riportata da quelli non durevoli, +1,9%, e da quelli intermedi, +1%.
Il primo partner commerciale per crescita sono gli Stati Uniti , verso i quali le esportazioni ad aprile sono cresciute del +36,4%. Di rilievo anche la crescita dlele vendite verso la Cina, +17,9%, e verso i Paesi dell’EDA ( ovvero le Economie Dinamiche Asiatiche, quindi Thailandia, Malesia, Taiwan, Hong Kong, Singapore e Corea del Sud), +12,5%. Crollano le vendite verso Giappone e Russia, -6,6% e -29,5%.

(articolo pubblicato il 26 maggio su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, la Francia anticipa il coprifuoco alle 18

Il virus continua a costringere i governi ad adottare misure più stringenti per contenere la pandemia: dopo la Cina, che ha imposto il lockdown in…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Paesi Bassi: si è dimesso il governo guidato da Rutte

Il governo olandese si è dimesso. Lo ha annunciato il premier Mark Rutte, in carica dal 2010. Fatale uno scandalo che ha coinvolto circa 20mila…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, misure più dure per entrare in Belgio dai Paesi extra Ue

Il Belgio, a causa del protrarsi della pandemia, ha inasprito le regole per l’ingresso dai Paesi extra Ue, incluso il Regno Uniti.  In concreto, ai…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Berlino: «Prendere molto sul serio la mutazione del virus»

«Il governo osserva con grande attenzione gli effetti della mutazione del Covid, che si è diffusa in Gran Bretagna e Irlanda, e anche i Laender…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia