Lavoro: produttività in calo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: produttività in calo

lavoro_impreseIn Italia, la produttività è diminuita dal 1995 ad oggi. Lo rende noto l’Istat, l’Istituto nazionale di statistica, che definisce la produttività come il rapporto tra il valore aggiunto in volume e uno o più dei fattori produttivi impiegati per realizzarlo (lavoro, capitale…).
Tra il 1995 e il 2014, l’Istat ha certificato un calo medio annuo dello 0,3% della produttività totale, calcolata come il rapporto tra il valore aggiunto – in pratica, la differenza tra il valore della produzione di beni e servizi ed il valore dei costi intermedi sostenuti per tale produzione – e l’impiego complessivo dei servizi del capitale e del lavoro.
Negli ultimi venti anni, dunque, la produttività del capitale – ovvero il rapporto tra il valore aggiunto e l’input di capitale, misurato dal flusso di servizi produttivi forniti dallo stock esistente di beni capitali – è diminuita mediamente del 1,2% l’anno, come conseguenza di una crescita dell’input di capitale (+1,7%) maggiore a quello del valore aggiunto (+0,5%). Ad aumentare, semmai, è stata la produttività del lavoro.
Complessivamente, infatti, la crescita media annua la produttività del lavoro è stata pari allo 0,3% annuo tra il 1995 e il 2014, in virtù degli aumenti medi delle ore lavorate – ovvero il monte ore effettivamente lavorate (retribuite e non) per la produzione del reddito – e del valore aggiunto, cresciuti rispettivamente dello 0,2 e dello 0,5%.
Nel corso del 2014, le cose sono andate diversamente. Infatti la produttività del lavoro, calcolata come valore aggiunto per ora lavorata, è diminuita dello 0,7% mentre la produttività di capitale è cresciuta dello 0,8% rispetto all’anno precedente. Nel 2014, osserva ancora l’Istituto di statistica, la produttività totale dei fattori, che quantifica la crescita del valore aggiunto attribuibile al progresso tecnico e ai miglioramenti nella conoscenza e nell’efficienza dei processi produttivi, è diminuita dello 0,2%.
Secondo i dati dell’Eurostat, l’Ufficio statistico dell’Unione europea, nel decennio compreso tra il 2003 e il 2013, la nostra è stata una delle poche economie – insieme a quella britannica, belga e greca – dove la produttività del lavoro per occupato è diminuita notevolmente rispetto alla media dell’Ue.

(articolo pubblicato il 4 agosto 2015 su Tgcom24)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi sfiorano i 64,4 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 63.396.852. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, auto contro pedoni a Treviri: due morti e diversi feriti

Un’auto ha investito diverse persone nella zona pedonale della città di Treviri, in Germania. Secondo le prime notizie ci sono almeno due morti e diversi…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regionali, in Calabria si torna alle urne il 14 febbraio 2021

In Calabria si torna alle urne il 14 febbraio 2021 per le elezioni Regionali. Lo prevede un decreto firmato dal presidente facente funzioni Nino Spirlì.…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a novembre mortalità media in aumento nei principali comuni italiani

Tra il 1° e il 15 novembre, è stato registrato un aumento della mortalità giornaliera nei principali comuni italiani. Lo riferisce un monitoraggio del ministero…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia