Export in calo, anche la Cina rallenta | T-Mag | il magazine di Tecnè

Export in calo, anche la Cina rallenta

di Fabio Germani

economia_cinaTagliando il valore dello yuan (per ben tre giorni di fila), la Cina conta di rilanciare l’economia in difficoltà dopo le cadute dei mercati azionari di luglio. Un rallentamento che, sebbene “pilotato” in prima battuta, ora tiene in ansia i mercati europei, soprattutto tra gli investitori che molto avevano puntato su Pechino.
Quella cui si sta assistendo è la maggiore svalutazione degli ultimi vent’anni e penalizza molte tra le aziende che vendono in Cina (specie quelle del lusso), mentre nelle intenzioni dovrebbe permettere all’export – il traino dell’economia cinese – di ripartire.
Finora, infatti, il modello di crescita di Pechino si era basato principalmente sulle esportazioni, così come il Giappone e altre realtà asiatiche minori. Di recente le autorità cinesi hanno cominciato ad adottare misure per favorire i consumi interni, quasi un cambiamento di paradigma che però sta procedendo a rilento.
La riduzione della crescita degli scambi commerciali ha tuttavia indebolito l’economia cinese, ora “costretta” a sconfessare le politiche degli ultimi tempi. In generale la Cina stava rallentando la sua crescita, attestandosi comunque su livelli superiori o pari al 7% (come nel secondo trimestre 2015). Nel frattempo le esportazioni cinesi sono crollate, fino a -8,3% nel mese di luglio mentre le importazioni sono diminuite dell’8,1% a conferma di una contrazione tanto della domanda sui mercati internazionali quanto di quella interna. Soltanto a giugno le esportazioni cinesi avevano evidenziato un incremento del 2,8%.
Segnali non particolarmente positivi arrivano poi dalla produzione industriale a luglio, che è cresciuta del 6% quando a giugno era aumentata del 6,8% (gli analisti attendevano un +6,6%). Scambi commerciali in rallentamento e produzione industriale in frenata, elementi che fanno dubitare sull’obiettivo di crescita del 7% quest’anno. Probabilmente, suggeriscono le previsioni, il Pil cinese si attesterà nel 2015 su livelli di poco inferiori, tra il 6,8 e il 6,9%.

(articolo pubblicato il 12 agosto 2015 su Tgcom24, modificato il 13 agosto 2015)

 

Scrivi una replica

News

Censis: «600mila poveri in più. Covid peggiore il tenore di vita»

Dal rapporto Censis-Tendercapital emerge che «cinque milioni di italiani hanno difficoltà a mettere in tavola un pasto decente, 7 milioni e 600mila hanno avuto un…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, una persona su cinque ha disturbi psichiatrici dopo la diagnosi

Circa una persona su cinque ha disturbi psichiatrici tra 14 e 90 giorni dopo la diagnosi di Covid-19. A rivelarlo uno studio condotto dal Dipartimento…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Movimento 5 stelle, pubblicato il documento di sintesi degli Stati generali

Il Movimento 5 stelle ha pubblicato sul “Blog delle Stelle” il documento di sintesi degli Stati generali del movimento che si sono conclusi la scorsa…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Libia, Italia e altri Ue: «Misure contro chi ostacola la pace»

«Francia, Germania, Italia e Regno Unito hanno ribadito oggi il loro pieno sostegno al processo guidato dalle Nazioni Unite per dare alla Libia nuove istituzioni…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia