Enac: dal 2000 stanziati 1,5 miliardi euro per aeroporti del Mezzogiorno | T-Mag | il magazine di Tecnè

Enac: dal 2000 stanziati 1,5 miliardi euro per aeroporti del Mezzogiorno

Si è svolta questa mattina, presso la Direzione Generale dell’ENAC, la riunione convocata dal Presidente Vito Riggio e dal Direttore Generale Alessio Quaranta con i vertici delle società di gestione degli aeroporti delle regioni Abruzzo, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia e Sardegna per fare il punto sugli investimenti e sullo sviluppo infrastrutturale del trasporto aereo del Mezzogiorno, nonché sui progetti finalizzati alla realizzazione dei collegamenti intermodali per favorire la raggiungibilità del territorio.
In particolare, infatti, nella sua funzione istituzionale, ribadita con la legge del 2014 che ha investito in modo esplicito l’ENAC del compito di verifica dell’attuazione dei piani di investimenti attraverso i contratti di programma, così come da recenti indicazioni del Ministro delle infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio, l’Ente ha implementato un monitoraggio per aree geografiche. La questione degli investimenti, infatti, ha un notevole rilievo nell’ambito della crescita dell’economia del settore e dell’intero Paese, investimenti che vedono tuttavia, a livello nazionale e in vari campi, dei ritardi che richiedono un intervento complessivo, strutturato ed immediato.
Numerosi investimenti nel settore aeroportuale sono stati realizzati nel corso degli ultimi anni dapprima attraverso fondi pubblici e comunitari, soprattutto negli anni 2000 – 2010, e nel più recente passato, invece, con fondi a carico delle società affidatarie della gestione degli scali.
Dal 2000 ad oggi sono stati effettuati 1.507.466.380,00 Euro di investimenti, come da tabelle di seguito riportate, con alcuni scostamenti rispetto a quanto programmato che sono in parte giustificati dai ritardi nell’approvazione dei contratti di programma e in parte ricadono, invece, su criticità di alcune singole società di gestione.
Sulle criticità emerse dal monitoraggio relativo al Mezzogiorno verranno condotti ulteriori accertamenti attraverso un tavolo istituito ad hoc per trovare soluzioni e favorire il superamento delle criticità stesse.
L’ENAC ha ricordato alle società di gestione gli strumenti di controllo che ha l’Ente in caso di mancato rispetto dei contratti di programma e dei piani di investimenti, che possono andare dalla sanzione amministrativa alla proposta di decadenza della concessione di gestione aeroportuale.
L’ENAC svolgerà con estremo rigore questa sua funzione di vigilanza sul rispetto degli investimenti a favore dello sviluppo del settore. In particolare le società di gestione, oltre alla presentazione dei piani di investimenti, dovranno indicare all’ENAC anche le modalità e i fondi attraverso i quali realizzeranno gli impegni assunti.

(fonte: ENAC)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Oms: esperti internazionali presto in Cina

Il capo delle emergenze dell’Organizzazione mondiale della sanità, Mike Ryan, ha fatto sapere che gli esperti internazionali torneranno in Cina «il prima possibile» per continuare…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Violenza sulle donne, da gennaio a ottobre in Italia ci sono stati 91 femminicidi

Violenza sulle donne, da gennaio a ottobre in Italia ci sono stati 91 femminicidi. A riferirlo è un rapporto dell’Eures, sottolineando che, nello stesso periodo…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gualtieri: «Rinvio tasso per tutte le imprese con perdite»

«Il governo si appresta a varare grazie allo scostamento da 8 miliardi nuove misure a partire dal rinvio delle nuove scadenze tributarie per i settori…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «La ripresa nel 2021 sarà più lenta del previsto»

«La ripresa nel 2021 sarà verosimilmente più lenta del previsto. Nel quarto trimestre 2020, è plausibile una flessione del Pil anche se più contenuta rispetto…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia