Fecondazione in vitro, Corte Strasburgo: “No a ricerca su embrioni” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Fecondazione in vitro, Corte Strasburgo: “No a ricerca su embrioni”

La Corte europea per i diritti umani di Strasburgo ha stabilito che l’Italia non ha violato la Convenzione europea sui diritti dell’uomo per non aver ammesso la donazione a scopo scientifico di embrioni umani ottenuti attraverso la fecondazione in vitro, in seguito al caso Adelina Parillo, che nel 2002 ricorse alla fecondazione in vitro con il suo partener, avendo in cinque embrioni, che a causa della morte del compagno nel 2003, non furono mai impiantati. Parillo rinunciò alla gravidanza, ma donò gli embrioni per la ricerca.

 

Scrivi una replica

News

Censis: «600mila poveri in più. Covid peggiore il tenore di vita»

Dal rapporto Censis-Tendercapital emerge che «cinque milioni di italiani hanno difficoltà a mettere in tavola un pasto decente, 7 milioni e 600mila hanno avuto un…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, una persona su cinque ha disturbi psichiatrici dopo la diagnosi

Circa una persona su cinque ha disturbi psichiatrici tra 14 e 90 giorni dopo la diagnosi di Covid-19. A rivelarlo uno studio condotto dal Dipartimento…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Movimento 5 stelle, pubblicato il documento di sintesi degli Stati generali

Il Movimento 5 stelle ha pubblicato sul “Blog delle Stelle” il documento di sintesi degli Stati generali del movimento che si sono conclusi la scorsa…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Libia, Italia e altri Ue: «Misure contro chi ostacola la pace»

«Francia, Germania, Italia e Regno Unito hanno ribadito oggi il loro pieno sostegno al processo guidato dalle Nazioni Unite per dare alla Libia nuove istituzioni…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia