Quanto “valgono” i lavoratori stranieri in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quanto “valgono” i lavoratori stranieri in Italia

lavoratori_stranieriI lavoratori stranieri residenti in Italia producono una quota significativa del Prodotto interno lordo del Paese. Diversi studi hanno quantificato così il contributo che offrono alla crescita dell’economia italiana, anche in tempi difficili come quelli attuali.
Ad oggi, gli stranieri residenti in Italia sono 5 milioni: 151 mila in più rispetto al 2014. Di questi, i lavoratori dichiarati sono 2,36 milioni. Si tratta di lavoratori impiegati in diversi settori (lavori domestici, ristorazione, commercio al dettaglio…) e che, secondo un rapporto della Fondazione Di Vittorio – Fillea Cgil, producono 123 miliardi di Prodotto interno lordo, pari al 9% della ricchezza italiana complessiva.
Una quota consistente dei lavoratori stranieri (circa 579 mila unità) svolge lavori domestici (colf, badanti e baby sitter…) mentre il resto ha trovato un impiego in altri settori.
Nelle costruzioni, ad esempio, la presenza dei lavoratori immigrati è strutturale e storica, osserva il report. Il settore impiega complessivamente 250 mila lavoratori stranieri: 50 mila unità in meno rispetto al periodo precedente la crisi economica. Del resto quello delle costruzioni è stato uno dei comparti maggiormente colpiti dalla recessione. Tra il 2012 e il 2015, secondo una stima di Confartigianato, in Italia il settore ha perso 254.500 occupati: oltre il 50% dei posti di lavoro ‘bruciati’ nel comparto a livello europeo (502.300).
Lo studio non ha tenuto conto del lavoro in nero, stimato dalla Fillea “in almeno 300 mila fantasmi, che sfuggono ad ogni tutela e statistica, ma non a quell’economia sommersa che vale il 12% del Prodotto interno lordo”.
Interessante, poi, analizzare la distribuzione geografica dei lavoratori stranieri. Secondo uno studio della Fondazione Leone Moressa, la maggior parte degli occupati stranieri (il 59%) ha trovato un impiego nel Nord del Paese mentre il resto lavora nel Centro (26,9%) e nel Mezzogiorno (14,1%). Tra il 2008 e il 2014, però, gli occupati stranieri sono cresciuti con maggior intensità nelle regioni meridionali (67%) e nel Centro del Paese (51,8%) e con percentuali minori nelle regioni settentrionali (47,8%).

 

Scrivi una replica

News

Usa-Germania, incontro Biden-Merkel il 15 luglio

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, riceverà la cancelliera tedesca Angela Merkel alla Casa Bianca il prossimo 15 luglio. Lo ha riferito il portavoce…

11 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «Ad aprile, prestiti a famiglie, settore privato e società non finanziarie in crescita»

Ad aprile, i prestiti al settore privato, alle famiglie e alle società non finanziarie sono aumentati. Lo rende noto la Banca d’Italia, riferendo i dati…

11 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia: la Banca centrale russa ha alzato i tassi

La Banca di Russia, la banca centrale russa, ha aumentato i tassi dello 0,5%, alzando il costo del denaro al 5,5%. Confermate le previsioni degli…

11 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito: ad aprile, frena la produzione industriale

Ad aprile, la produzione industriale britannica ha registrato un calo inatteso. Lo comunica l’Office National of Statistics, l’ufficio nazionale di statistica britannico, riferendo un calo…

11 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia