Gli italiani e l’emergenza immigrazione | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli italiani e l’emergenza immigrazione

lampedusa_sbarchi_immigrazioneBen il 69% degli italiani si dichiara non disponibile a ospitare degli immigrati in casa propria o in un’abitazione di proprietà, il 16% lo farebbe ma non ne ha la disponibilità. Solo il 3% degli intervistati è disponibile a ospitare un immigrato, mentre aumenta leggermente la quota di quanti sarebbero disposti a dare ospitalità a due o più immigrati o persino a un’intera famiglia (8%). E’ quanto emerge da un’indagine condotta dall’Istituto di ricerca Tecnè per la trasmissione Porta a Porta di lunedì 14 settembre.
Alla domanda “quanto dovrebbe riconoscere lo Stato a chi accoglie in casa propria un immigrato?”, il 47% risponde che chi fornisce accoglienza deve farlo per solidarietà e quindi gratis. Per il 29% del campione lo Stato dovrebbe riconoscere un rimborso molto inferiore ai 35 euro al giorno, mentre per il 3% 35 euro non bastano. Un altro 3% indica proprio 35 euro al giorno. Il 19% non si esprime a proposito.
Il 73% spiega poi di provare un senso di paura riguardo l’emergenza immigrazione. La motivazione è che secondo questa quota di intervistati in futuro saremo invasi dagli immigrati che non hanno intenzione di integrarsi con gli italiani.
Il 24% spiega invece di non temere l’emergenza perché conta sulla riuscita da parte degli immigrati nell’integrazione (senza opinione il 3%).

Intenzioni di voto

Se si andasse oggi al voto per le elezioni politiche il 32% voterebbe per il Partito democratico, il 27% per il Movimento 5 Stelle e il 15,5% per la Lega Nord. Forza Italia otterrebbe il 12% mentre Fratelli d’Italia e Sel (e altri di Sinistra) si fermerebbero al 4%. L’area popolare prenderebbe il 3,5% dei voti mentre Italia dei Valori e Scelta Civica si attesterebbero allo 0,5% (altri Partiti 1%). La quota degli incerti e dell’astensione si attesta al 52,5%.
In caso di ballottaggio tra una lista formata da Pd, Area Popolare e Scelta Civica e una lista formata da Lega, Forza Italia e Fratelli D’Italia il 51% voterebbe per la prima, il 49% la seconda mentre il 57,5% si asterrebbe o comunque ad aggi risulta incerto.
La lista Pd-Area Popolare-Scelta Civica vincerebbe (con il 53% dei voti) anche in caso di ballottaggio con Movimento 5 Stelle (che prenderebbe il 47%). In questo caso il dato relativo agli incerti e all’astensione si attesta al 59%.

Il sondaggio è stato effettuato il 12 settembre 2015. Numerosità pari a 1.000 casi con metodo Cati su un campione rappresentativo della popolazione maggiorenne italiana. Margine d’errore +/- 3,1% sui risultati a livello dell’intera popolazione. Committente: Porta a Porta.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, oltre 176 milioni di casi nel mondo

I casi di coronavirus a livello globale hanno superato oggi la soglia dei 176 milioni, stando al bollettino aggiornato della Johns Hopkins University. Secondo l’università…

14 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Putin: «Infondate accuse americane su cyberattacchi»

Per Joe Biden la Russia rappresenta una nuova sfida. Vladimir Putin “risponde”, in un’intervista a Nbc che le accuse americane secondo cui hacker russi o…

14 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: “Dal G7 ingerenza, bugie e accuse infondate”

“Bugie, voci e accuse infondate nel corso del club dei Sette Grandi del mondo”. Lo ha affermato l’ambasciata della Cina nel Regno Uniti. “Il G7…

14 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, da oggi 40 milioni di persone in zona bianca. Draghi: “Quarantena per arrivi da Gb in caso di aumento contagi”

Dalla giornata di lunedì 14 giugno 40milioni di persone si troveranno in zona bianca, tornando cosi gradualmente ad una vita normale, mantenendo comunque mascherine e…

14 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia