Le aziende che tornano in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le aziende che tornano in Italia

di Mirko Spadoni

lavoro_impreseDopo aver trasferito la produzione all’estero, alcune imprese italiane hanno deciso di tornare nel nostro Paese. Alimentando così il Back reshoring, il fenomeno opposto alla de-localizzazione e che consiste nel rimpatrio di attività produttive trasferite precedentemente oltre confine.
Negli scorsi anni, infatti, alcune imprese italiane hanno trasferito (completamente o soltanto in parte) la produzione, affidandola a propri stabilimenti all’estero (in-sourcing) o a fornitori locali (out-sourcing). Salvo poi, in alcuni casi, decidere di tornare in Italia. Come dimostrato dai dati raccolti dall’Uni CLUB MoRe Reshoring, un centro di ricerca composto da docenti e ricercatori delle Università di Catania, L’Aquila, Udine, Bologna e Modena&Reggio Emilia.
Negli ultimi quindici anni, stando i dati aggiornati al 2014, settantanove imprese sono tornate nel nostro Paese, che è secondo soltanto agli Stati Uniti per numero di imprese che sono ‘tornate a casa’ (i casi censiti a livello mondiale sono stati 376). Ai 79 casi di Back reshoring ne vanno aggiunti dodici di Near reshoring, ovvero quando un’impresa decide di trasferire in un Paese vicino a quello d’origine gli impianti precedentemente de-localizzati in uno più lontano.
La stragrande maggioranza delle imprese italiane è tornata dall’Asia (il 51%) e dall’Europa orientale (26,7%) mentre la moda (43,5%) e l’elettronica-elettrotecnica (18,8%) sono i comparti maggiormente coinvolti dal fenomeno.
Come mai alcune aziende decidono di rientrare in Italia? I motivi sono diversi, spiega l’Uni CLUB MoRe Reshoring. Innanzitutto, il minor grado di controllo sulla qualità delle produzioni localizzate all’estero e la necessità di tenere vicine l’attività di Ricerca&Sviluppo e quella di produzione. Infine, i costi: un’impresa su cinque è tornata nel nostro Paese a causa dei costi logistici, di produzione e del lavoro.

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, Biden: «C’è un enorme interesse per avere un grande rapporto con Nato e Ue»

«C’è un enorme interesse per avere un grande rapporto con la NATO e l’Ue». Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, incontrando…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Il virus è più rapido dei vaccini»

«Il virus si sposta più rapidamente della distribuzione mondiale dei vaccini». A denunciarlo il direttore generale dell’Oms, Adhanom Ghebreyesus, invitando i Paesi produttori un maggiori…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, negli Usa 10mila nuovi casi: la California lo Stato più colpito dalla pandemia

Gli Stati Uniti nelle ultime 24 ore hanno registrato 193 decessi e 10.800 nuovi casi.  La California è ora lo stato più colpito dalla pandemia…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina contro la Nato: “Esagerate con la teoria della minaccia”

“La Nato vuole creare scontri”. E’ l’accusa lanciata dalla Cina in seguito all’accordo raggiunto dagli alleati occidentali su un’azione comune di contrasto alle politiche, spesso…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia