Il peso del fisco sulle microimprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il peso del fisco sulle microimprese

MicroimpresaQuello del fisco è un peso notevole per le imprese italiane. Specialmente per quelle di piccolissime dimensioni, come le microimprese che impiegano meno di 10 addetti e hanno un fatturato annuo inferiore ai 2 milioni di euro. Confartigianato ne ha quantificato l’impatto.
Secondo lo studio, che considera un’impresa tipo composta da due lavoratori indipendenti e tre dipendenti a tempo indeterminato con un immobile produttivo di proprietà, le imposte sono aumentate in modo vertiginoso nel periodo compreso tra il 2011 e il 2014: circa 20,93 miliardi di euro in più.
Ad incidere in misura maggiore sono state le cinque principali tasse locali (l’Irap, le due addizionali Irpef, la Tasi e l’Imu) che – una volta riscosse – hanno garantito all’erario entrate complessive pari a 70,5 miliardi di euro nel 2014. In media, una piccola impresa italiana paga ogni anno 11.164 euro in tasse locali: 2.233 per addetto, in pratica.
Il prelievo fiscale locale è aumentato anche a causa della crescita della tassazione immobiliare, sottolinea Confartigianato. Secondo cui, infatti, le imprese hanno versato 20,4 miliardi di euro per l’Imu e 4,6 per la Tasi. Il pagamento dell’Irap ha chiesto un esborso complessivo di 30,5 miliardi, mentre per l’addizionale regionale Irpef ne sono serviti 11 e 4,2 miliardi di euro per l’addizionale comunale Irpef.
Abbastanza per comprendere il peso che grava sulle spalle delle microimprese italiane che, secondo i più recenti dati Istat, risultano particolarmente presenti nel settore dei servizi (circa il 70%) e si rivolgono soprattutto a un mercato più regionale (63,3% rispetto al 36% delle unità di maggiori dimensioni) e sono a gestione prevalentemente familiare (84,3% rispetto a circa il 70%).
Secondo il report di Confartigianato, le differenze territoriali non mancano: in alcune regioni le microimprese devono sostenere un prelievo fiscale superiore rispetto a quello affrontato da alcune concorrenti attive altrove. Stando ai dati raccolti da ITWorking, elaborati dall’Ufficio studi di Confartigianato, emerge che le regioni con il maggior prelievo complessivo sono la Campania, la Calabria e il Lazio rispettivamente con 12.547, 12.466 e 12.305 euro. Mentre la Valle d’Aosta è la regione con il prelievo minore, con 8.129 euro.

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, Biden: «C’è un enorme interesse per avere un grande rapporto con Nato e Ue»

«C’è un enorme interesse per avere un grande rapporto con la NATO e l’Ue». Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, incontrando…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Il virus è più rapido dei vaccini»

«Il virus si sposta più rapidamente della distribuzione mondiale dei vaccini». A denunciarlo il direttore generale dell’Oms, Adhanom Ghebreyesus, invitando i Paesi produttori un maggiori…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, negli Usa 10mila nuovi casi: la California lo Stato più colpito dalla pandemia

Gli Stati Uniti nelle ultime 24 ore hanno registrato 193 decessi e 10.800 nuovi casi.  La California è ora lo stato più colpito dalla pandemia…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina contro la Nato: “Esagerate con la teoria della minaccia”

“La Nato vuole creare scontri”. E’ l’accusa lanciata dalla Cina in seguito all’accordo raggiunto dagli alleati occidentali su un’azione comune di contrasto alle politiche, spesso…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia