Quante Pmi richiedono finanziamenti | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quante Pmi richiedono finanziamenti

imprese traniereLe piccole e medie imprese attive in Europa – circa 23 milioni – offrono un importante contributo all’economia. Specialmente sul fronte occupazionale: secondo i dati più recenti, le pmi europee impiegano 75 milioni di persone. Non è dunque un caso se l’Unione europea ha deciso di sostenerne l’attività.
Attraverso lo “Sme Instrument” di Horizon 2020, ad esempio, l’Ue intende aiutare le piccole e medie imprese europee – ovvero quelle con meno di 250 addetti e un fatturato inferiore ai 50 milioni di euro (o con un attivo inferiore ai 43 milioni) – a commercializzare sul mercato un prodotto o un servizio attraverso un percorso articolato in tre fasi. Il prodotto deve essere innovativo e competitivo.
Durante la prima fase, viene valutata la fattibilità tecnica e il potenziale di mercato del prodotto – o servizio – che l’impresa intende lanciare sul mercato, con un contributo forfettario pari a 50 mila euro per ogni progetto (ogni anno un’impresa può presentare un solo progetto, che può essere proposto una volta soltanto).
Nella seconda fase i finanziamenti, che possono arrivare variare da 500 mila a 2,5 milioni di euro, vengono utilizzati per la realizzazione del prodotto ideato nella fase precedente.
Nella terza ed ultima fase, che non prevede finanziamenti diretti, si procede alla commercializzazione del prodotto – o servizio – attraverso forme di sostegno nella ricerca dei fondi necessari per sostenere il progetto nel lungo periodo (accesso facilitato agli strumenti di rischio, ricerca investitori…).
Lo Sme Instrument è un’opportunità che le pmi italiane sembrano intenzionate a sfruttare appieno. Vediamo perché.
Al 17 settembre 2015, data di scadenza del bando, le piccole e medie imprese europee hanno inoltrato complessivamente 2.833 domande (1.873 per la fase 1 e 960 per la fase 2). Ebbene, le pmi italiane ne hanno presentato il numero più alto: 669 (449 per la fase 1 e 220 per la fase 2).
Mentre le imprese spagnole e quelle inglesi, che sono seconde e terze per il numero di domande presentate, ne hanno inoltrate rispettivamente 444 (292 per la fase 1 e 152 per la fase 2) e 312 (203 per la fase 1 e 109 per la fase 2).
Il maggior numero di progetti è stato presentato nel settore Ict (720), seguito da nanotecnologie (316), sistemi energetici a basse emissioni (310) ed eco-innovazione (280)
Un’ultimo appunto: l’Executive Agency for Small and Medium-sized Enterprises (Easme) comunicherà i nomi delle imprese beneficiarie dei finanziamenti soltanto dopo averne valutato le proposte.

 

Scrivi una replica

News

Draghi: «Sta tornando la fiducia, la ripresa sarà sostenuta»

«La situazione economica europea e italiana è in forte miglioramento. Secondo le proiezioni della Commissione europea, nel 2021 e nel 2022 l’Italia crescerà rispettivamente del…

23 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Johnson:«Missione compiuta»

«Missione compiuta». Così Boris Johnson saluta il quinto anniversario dello storico referendum del 2016, che sancì l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea.…

23 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Hong Kong, chiude il giornale Apple Daily

Il giornale pro-democrazia di Hong Kong, Apple Daily, pubblicherà domani la sua ultima edizione. L’annuncio era nell’aria. Poche ore prima, infatti, il consiglio di amministrazione…

23 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, variante Delta Plus rilevata in tre Stati dell’India

La variante Delta plus del coronavirus, è stata rilevata in tre Stati differenti dell’India: Maharashtra, Kerala e Madhya Pradesh.…

23 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia