Istat: compravendite immobiliari in crescita del 6,2% nel secondo trimestre | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: compravendite immobiliari in crescita del 6,2% nel secondo trimestre

Nel II trimestre 2015 le convenzioni notarili di compravendita per unità immobiliari complessivamente considerate (161.357) riprendono a crescere, segnando un +6,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (-3,6% nel I trimestre 2015).
La ripresa delle compravendite immobiliari appare di carattere generale, interessando tutti i comparti immobiliari, le diverse ripartizioni territoriali e tipologie di centri urbani del Paese.
L’incremento rispetto all’anno precedente è pari a +6,6% per i trasferimenti di immobili ad uso abitazione ed accessori e +1,9% per i trasferimenti di proprietà immobiliari ad uso economico.
Il 93,7% delle convenzioni rogate riguarda trasferimenti di proprietà di immobili ad uso abitativo ed accessori (151.184), il 5,8% unità immobiliari ad uso economico (9.299) e lo 0,5% unità immobiliari ad uso speciale e multiproprietà (874).
A livello territoriale la crescita coinvolge tutte le ripartizioni, sia per il complesso delle compravendite delle unità immobiliari che per i trasferimenti ad uso abitativo ed accessori. Per entrambe le tipologie si osservano valori sopra la media nazionale nel Nord-est (rispettivamente +10,8% e +11,8%) e nelle Isole (+8,0% e +10,0%).
Nel settore economico, le variazioni positive si riscontrano solo al Centro (+16,4%) e al Sud (+2,1%); ancora in affanno il Nord-est (-0,9%), Nord-ovest (-1,3%) e soprattutto le Isole (-11,8%).
Gli Archivi notarili distrettuali con sede nelle città metropolitane e gli Archivi dei piccoli centri beneficiano entrambi della ripresa immobiliare, con valori positivi nel settore dell’abitativo (+8,0% nei grandi centri e +5,4% nelle piccole città) e in quello economico (+1,9% per entrambe le tipologie di Archivio).
Nel II trimestre 2015, le convenzioni notarili per mutui, finanziamenti ed altre obbligazioni con costituzione di ipoteca immobiliare stipulati con banche o soggetti diversi dalle banche (88.173) registrano un forte aumento (+23,1%).
In recupero tutte le ripartizioni geografiche, con variazioni sopra la media al Sud (+27,7%), nelle Isole (+27,4%) e nel Nord-est (+23,3%).
Il primo semestre 2015 si conclude, dunque, in positivo per le compravendite, i mutui, i finanziamenti ed altre obbligazioni. Le compravendite crescono per il settore immobiliare (+1,5%), grazie alla performance del settore abitativo (+1,8%) e nonostante la variazione negativa del comparto ad uso economico (-1,8%). I mutui registrano una variazione positiva del 16%, per un totale di 156.334 convenzioni.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Gaza al centro della visita di Netanyahu negli Usa e dell’incontro Putin-Assad

Quanto sta accadendo nella Striscia di Gaza al centro di due eventi distinti. Il primo è la visita del premier israeliano, Benjamin Netanyahu, negli Stati…

25 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa 2024, Biden: «Mi sono ritirato per difendere la democrazia»

«Credo che il mio primato come presidente, la mia leadership nel mondo, la mia visione per il futuro dell’America meritassero tutti un secondo mandato. Ma…

25 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, inviata una lettera ai Paesi membri per i ruoli di commissario

I Paesi membri hanno ricevuto questa mattina la lettera della presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, con l’invito a indicare i profili per…

25 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ciciliano si è insediato a capo della Protezione civile

Il nuovo capo della Protezione civile, Fabio Ciciliano, si è insediato questa mattina. Prende il posto di Fabrizio Curcio. «È una sfida avvincente che abbraccio…

25 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia