Aumentano i prestiti concessi a imprese e famiglie | T-Mag | il magazine di Tecnè

Aumentano i prestiti concessi a imprese e famiglie

soldi-euroNell’ultimo Bank lending survey, la Banca centrale europea sostiene che il Quantitative easing – il programma di acquisto di titoli pubblici e privati dell’Eurosistema, annunciato il 22 gennaio – sta centrando uno dei suoi tanti obiettivi. Secondo la Bce, infatti, il Qe “ha nettamente allentato gli standard creditizi. Il maggiore effetto si è avuto per i prestiti alle imprese”. Proprio come auspicato all’avvio del Quantitative easing.
Attraverso il Qe, infatti, la Bce ha iniettato liquidità nell’eurozona. Uno degli effetti più immediati è stato il deprezzamento dell’euro e un costo del denaro più basso è favorevole a chi vuole acquistare casa o rinegoziare un mutuo in essere. Inoltre, la maggiore liquidità a disposizione delle banche, dovrebbe incentivare i prestiti alle imprese.
Nel corso del terzo trimestre del 2015 le banche della zona euro hanno utilizzato “la liquidità addizionale derivante” dal Quantitative easing “per erogare credito”, contribuendo così ad allentare la stretta creditizia che ha caratterizzato gli anni della crisi economica. Soltanto in Italia, ad esempio, lo stock di credito mancato alle piccole e medie imprese dal 2010 ad oggi è stato quantificato dall’indice Confcommercio-Cer in 97,2 miliardi di euro.
Gli ultimi dati dell’Abi, l’Associazione bancaria italiana che raccoglie 78 banche che rappresentano circa l’80% del mercato, confermano quanto sostenuto dalla Bce. Nei primi otto mesi del 2015, i prestiti alle imprese sono aumentati del 15,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
Le imprese non sono le uniche a beneficiare dell’allentamento della stretta creditizia, le banche sono più disposte a concedere i prestiti anche alle famiglie. Secondo l’Abi, tra gennaio ed agosto, l’ammontare delle erogazioni di nuovi mutui per l’acquisto di immobili è stato pari a 28,920 miliardi di euro: in aumento rispetto ai 15,543 miliardi dello stesso periodo del 2014 (+86,1%).
Il computo tiene conto anche delle surroghe – attraverso una surroga è possibile trasferire un mutuo da una banca ad un’altra a costo zero, con la possibilità di modificarne i parametri (come il tasso e la durata) –, la cui incidenza sul totale dei nuovi finanziamenti è pari a circa il 29%.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Biden proroga lo stato di emergenza negli Usa

«La pandemia di Covid-19 continua a rappresentare un rischio significativo per la salute pubblica e la sicurezza della nazione. È essenziale continuare a combattere e…

25 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, nel mondo 112,5 milioni di casi

Sono saliti a 112.553.181 i casi di coronavirus registrati in tutto il mondo, (+443.427 rispetto a ieri). I morti invece, hanno raggiunto quota 2.487.406 (+11.972…

25 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Francia: «Tampone molecolare anche per i transfrontalieri»

«La deroga dall’obbligo di presentare un tampone molecolare effettuato non più di 72 ore prima dell’ingresso sul territorio nazionale sarà limitata alle sole attività professionali.…

25 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Ucraina i casi sono aumentati del 40% nelle ultime 24 ore

Nelle ultime 24 ore i casi di coronavirus in Ucraina sono cresciuti del 40%, facendo registrare più di 8mila nuovi casi.…

25 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia