Il contrasto alla povertà educativa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il contrasto alla povertà educativa

di Fabio Germani

scuolaUna ripresa piena del mercato del lavoro non può non passare per la creazione di occupazione aggiuntiva, soprattutto tra i più giovani. Un rimedio immediato, al fine di colmare i vuoti che la crisi ha esasperato, sarebbe quello di promuovere politiche di reinclusione, utili soprattutto a compensare l’abbandono scolastico che rende più difficile la possibilità di entrare nel circuito del mondo del lavoro.
L’Italia è tra i paesi che presenta un elevato tasso di abbandono scolastico nell’Ue. Secondo i dati Istat (rapporto Noi Italia 2015), il fenomeno è sì in progressivo calo, ma si è ancora lontani dagli obiettivi europei. Nel 2013 – anno di riferimento – la quota di giovani che ha interrotto precocemente gli studi è stato pari al 17%, il 20,2 tra gli uomini e il 13,7 tra le donne. Fanno peggio dell’Italia soltanto Spagna (23,6%), Malta (20,8%), Portogallo (19,2%) e Romania (17,3%).
In questi giorni il Censis ha presentato un nuovo studio per il Padiglione Italia di Expo 2015 che identifica i lavoratori del nuovo millennio – i “millenials”, coloro tra i 18 e i 34 anni – in questo modo (sintetizzando): innovativi, a proprio agio con la tecnologia, sempre connessi. E soprattutto intraprendenti, considerate le circa 32 mila imprese fondate tra aprile e giugno da under 35. Nel complesso le “imprese giovani” rappresentano il 9,8% del tessuto imprenditoriale italiano.
Quella che emerge, insomma, è un’autentica dicotomia: da un lato giovani con un bagaglio di competenze ed esperienze da fare invidia, dall’altro giovani che rinunciano agli studi per una qualche ragione e che, nel lungo periodo, rientrano tra quanti neppure più lo cercano un lavoro perché scoraggiati da un mercato che non è stato in grado di assorbirli.
Nel nostro paese gli scoraggiati, ricorda Il Sole 24 Ore, presentano un tasso del 13% sulla forza lavoro totale, tre volte la media europea (3,2% Ue28; 4,2% Eurozona). Una situazione che interessa più persone nel Mezzogiorno, ennesima conferma di come i divari territoriali siano un freno allo sviluppo. Eppure il Mezzogiorno è, allo stesso tempo, l’area in cui il 40,6% delle imprese nate nel secondo trimestre è condotto da giovani, con un tasso di crescita del 3,5% rispetto al trimestre precedente.
La legge di stabilità 2016 dovrebbe prevedere lo stanziamento di un fondo pari a cento milioni di euro per contrastare il fenomeno della povertà educativa, che – come sottolinea Save the Children – è un circolo vizioso di in grado di alimentare la povertà economica.

@fabiogermani

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Speranza: «Non possiamo assolutamente abbassare la guardia»

«In questo ultimo miglio non possiamo assolutamente abbassare la guardia». Intervenendo in Senato, il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha invitato alla prudenza, osservando che…

24 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Congo, Di Maio: «Chiesta all’Onu apertura di un’inchiesta»

«Al Pam e all’Onu abbiamo chiesto formalmente l’apertura di un’inchiesta che chiarisca l’accaduto, le motivazioni alla base del dispositivo di sicurezza utilizzato e in capo…

24 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, gli Usa primo Paese per il numero di contagiati nelle ultime 24 ore. Ottava l’Italia

Nelle ultime 24 ore, secondo gli ultimi dati dell’Oms, sono stati 280.853 i nuovi contagiati. La nazione che ha fatto segnare il maggior incremento sono…

24 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, continuano a calare i casi di Covid in tutto il mondo

Per la sesta settimana consecutiva i casi di coronavirus registrati in tutto il mondo sono calati. Nel periodo 15-21 febbraio, il dato è sceso dell’11%…

24 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia