I numeri dell’agroalimentare made in Italy | T-Mag | il magazine di Tecnè

I numeri dell’agroalimentare made in Italy

ciboAd una manciata di giorni dalla chiusura di Expo 2015 – l’esposizione universale milanese si concluderà il 31 ottobre –, alcune imprese ed organizzazioni hanno sottoscritto il Manifesto per il made in Italy. Tra le altre cose, il documento auspica una maggiore sinergia tra le imprese attive sui mercati esteri, dove i prodotti italiani vengono spesso contraffatti.
In questo senso, quello agroalimentare italiano è uno dei settori maggiormente danneggiati. Secondo una stima della Coldiretti, divulgata in occasione di un incontro organizzato all’Expo di Milano qualche giorno fa, i cosiddetti italian sounding – ovvero tutti quei prodotti che si spacciano per italiani – costano al nostro Paese 60 miliardi di euro: circa il doppio del valore dei “veri” prodotti italiani esportati, pari a 34,3 miliardi.
Una cifra notevole che non ha impedito comunque al settore di crescere anche negli anni più difficili. Quelli della crisi economica. Complessivamente il settore agroalimentare ha reagito bene al crollo dei consumi interni: tra il 2007 e il 2014, riferisce Federalimentare, il comparto ha perso soltanto 3 punti percentuali di produzione (contro i 24 del manifatturiero) ed ha incrementato le esportazioni di 48 punti percentuali (contro i 9 dell’export totale).
Il settore agroalimentare lavora per crescere ulteriormente e magari raggiungere anche il target posto dal governo: esportare prodotti agroalimentari per un valore complessivo di 50 miliardi di euro entro il 2020.
Quello fissato dall’esecutivo è un obiettivo che l’Italia potrebbe centrare. Ne è convinto il gruppo Sace. Secondo cui, concentrandosi sui prodotti agroalimentari di punta (carni, cacao, legumi e frutta, formaggi e latticini, caffè, olio d’oliva, salsicce e salumi, pasta e vini…) e su dieci geografie particolarmente rilevanti per ognuno di essi, il nostro Paese potrebbe incrementare l’export di 7 miliardi di euro entro il 2018, arrivando a quota 40 miliardi. A dieci miliardi di distanza dal target del governo, in pratica.
Target che, una volta raggiunto, avrebbe ripercussioni positive anche sul fronte occupazionale: secondo Federalimentare, i nuovi posti di lavoro potrebbero raggiungere le 100 mila unità.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Usa: meno di 40 mila casi in 24 ore

Gli Stati Uniti hanno registrato meno di 40mila casi nelle ultime 24 ore, stando al consueto bollettino della Johns Hopkins University, un dato che non…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Congo, ucciso magistrato che indagava su morte Attanasio

È stato ucciso in Congo il magistrato militare che indagava sull’agguato in cui sono morti l’ambasciatore italiano Luca Attanasio, il carabiniere di scorta Vittorio Iacovacci…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, netto calo dei casi in Gran Bretagna

Continuano a calare notevolmente i casi di coronavirus in Gran Bretagna, dove nelle ultime 24 ore su 863mila tamponi effettuati, solo 6.500 sono risultati positivi.…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nuova Zelanda, terremoto di magnitudo 8.1 al largo: allarme tsunami rientrato

Dopo le tre scosse di magnitudo 6.9, 7.1, 8.1, a largo della Nuova Zelenda, si era alzata l’allerta di tsunami, ma l’allarme è rientrato dopo…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia