Cresce l’export per le piccole imprese italiane | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cresce l’export per le piccole imprese italiane

pmi_crisi economicaLe previsioni del Gruppo Sace – il ritmo di crescita delle esportazioni italiane aumenterà ulteriormente nel triennio 2016-2018, attestandosi attorno al 5% nella sua parte finale – lasciano ben sperare per il futuro prossimo dell’export italiano, che negli ultimi anni è cresciuto costantemente anche grazie al contributo rilevante delle piccole imprese italiane.
Secondo un rapporto di Confartigianato, nel corso dell’ultimo anno, ad esempio, le piccole imprese italiane hanno esportato beni – prodotti alimentari e d’abbigliamento, in particolare – per un valore complessivo di 113,8 miliardi, pari al 7,1% del Prodotto interno lordo (Pil): in crescita del 4,2% rispetto all’anno precedente (4,6 miliardi di euro). Soltanto nel primo semestre del 2015, poi, le esportazioni delle piccole aziende italiane hanno raggiunto quota 57,1 miliardi: 2,6 miliardi di euro in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+4,9%).
Le piccole imprese italiane dimostrano una propensione all’export crescente e addirittura superiore a quella delle concorrenti europee, specie nei principali mercati extra-comunitari: sempre secondo Confartigianato, infatti, nel 2014 l’Italia è al primo posto tra i Paesi dell’Unione europea per il maggior valore di prodotti delle piccole imprese esportati negli Stati Uniti (8,4 miliardi di euro), a Hong Kong (3,8 miliardi), in Giappone (2,5 miliardi), negli Emirati Arabi Uniti (2,2 miliardi) e in Corea del Sud (1,4 miliardi).
Dunque in alcuni Paesi (Emirati Arabi Uniti, Corea del Sud e Stati Uniti) che, secondo l’Export Opportunity Index di Sace – un indicatore che misura le potenzialità di un Paese per l’export italiano, attraverso l’attribuzione di un punteggio compreso tra 0 e 100 –, sono tra i mercati più promettenti. Per quanto positive, le previsioni non devono indurre a un ottimismo eccessivo.
Secondo il Gruppo Sace, sarà difficile raggiungere nuovamente i risultati ottenuti a livello globale nel periodo precedente al 2007, a testimonianza dell’impatto permanente della crisi economica sul commercio mondiale. Stando alle previsioni di Oxford Economics, tra il 2011 e il 2018 il commercio mondiale reale crescerà mediamente del 3,8% contro il 7,3% del periodo compreso tra il 2000 e il 2007.

 

Scrivi una replica

News

Ue, la Commissione europea propone la sospensione del Patto di Stabilità anche nel 2021

«Sulla base delle indicazioni attuali, la clausola di salvaguardia generale», che da un anno ha sospeso il Patto di Stabilità e crescita, «rimarrebbe attiva nel…

3 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spazio, nuova missione per Samantha Cristoforetti

Samantha Cristoforetti, la prima astronauta italiana dell’Esa, tornerà sulla Stazione spaziale internazionale (Iss) nella primavera del prossimo anno. Il programma prevede, tra le altre cose,…

3 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Parlamento europeo, partito di Orban lascia Ppe

«Gli emendamenti delle regole del gruppo del Ppe sono chiaramente una mossa ostile contro Fidesz. Limitare i nostri eurodeputati nella loro capacità di rappresentare i…

3 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Birmania, uccisi altri sei protestanti

Durante le proteste antigolpe, l’esercito militare birmano ha ucciso altri 6 manifestanti, portando così a 12 i totale delle vittime dall’inizio delle proteste.…

3 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia