Nel 2017 fine al roaming nell’Ue | T-Mag | il magazine di Tecnè

Nel 2017 fine al roaming nell’Ue

smartphone_telefoniaQuanto deciso dal Parlamento europeo – l’abolizione delle tariffe roaming dal giugno 2017 e la neutralità della rete – influenzerà le abitudini di coloro che si servono di un telefonino e si connettono ad internet mentre sono in viaggio nei Paesi dell’Unione europea.
Dal giugno del 2017, secondo quanto stabilito in via definitiva dal Parlamento europeo, entrerà in vigore il divieto di applicare tariffe roaming nell’utilizzo dei telefoni cellulari nell’Ue. Dal 30 aprile 2016, invece, gli operatori telefonici potranno applicare un sovrapprezzo di massimo 5 centesimi al minuto per le chiamate, 2 centesimi per gli sms e 5 centesimi per Megabyte contro le tariffe attuali che hanno un tetto rispettivamente a 6, 19 e 20 centesimi.
In sostanza, dalla metà del 2017, i consumatori europei pagheranno le tariffe domestiche per chiamare, per inviare messaggi di testo e connettersi a internet, ovunque si trovino a viaggiare nell’Ue. Attualmente, infatti, i viaggiatori possono utilizzare il proprio numero di cellulare anche all’estero, appoggiandosi a uno degli operatori telefonici del Paese ospitante. Tuttavia il servizio prevede un costo aggiuntivo.
Un costo che, seppure in forte calo rispetto al passato – i servizi di dati in roaming costano attualmente il 91% in meno rispetto al 2007 –, disincentiva l’utilizzo del telefonino.
Secondo un sondaggio Eurobarometro, condotto nel 2014, almeno tre cittadini europei su dieci non si servono del cellulare mentre visitano un altro Paese europeo. Mentre oltre la metà degli utenti in viaggio non attiva i servizi dati, perché non comprende il sistema di tariffazione dei dati in roaming o teme che siano troppo costosi. “La fine del roaming – osserva il Parlamento europeo – dovrebbe condurre ad un aumento del numero dei consumatori che usano i loro telefoni all’estero”.
Tra i viaggiatori, naturalmente, c’è anche chi non può fare a meno di usare il telefonino o connettersi ad internet. Magari utilizzando una rete Wi-Fi privata o pubblica. Secondo uno studio della Tango Telecom, citato dalla Deloitte in un suo recente report, complessivamente i viaggiatori spendono sei miliardi di euro l’anno per connettersi alle reti Wi-Fi presenti negli hotel.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Tokyo pronto a prorogare per altre due settimane lo stato di emergenza

Tokyo è pronto a prorogare lo stato di emergenza per altre due settimane oltre la scadenza del 7 marzo.…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Papa in Iraq: «Chiederò a Dio perdono e pace dopo anni di guerra»

«Vengo come pellegrino penitente per implorare dal Signore perdono e riconciliazione dopo anni di guerra e di terrorismo, per chiedere a Dio la consolazione dei…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, record di morti in Brasile: 1840

Il Brasile ha registrato un nuovo record di morti da coronavirus, con 1.840 decessi in 24 ore. I nuovi casi, invece, sono 74.376.…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 70mila morti in Spagna

I morti da coronavirus in Spagna hanno superato quota 70mila, con 466 nelle ultime 24 ore.…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia