I giovani e l’autoimprenditorialità | T-Mag | il magazine di Tecnè

I giovani e l’autoimprenditorialità

giovaniL’Istat lo ha scritto nero su bianco soltanto qualche giorno fa: in Italia, il mercato del lavoro continua a caratterizzarsi per una “forte esclusione” dei più giovani. Ma l’allungamento dei percorsi formativi, che contribuisce a ritardare l’ingresso nel mondo del lavoro dei ragazzi, non è l’unica causa alla base di questa situazione.
Secondo l’Istat, il calo del tasso di occupazione tra i giovani – sceso al di sotto del 50% nel 2014 – è dovuto principalmente alle difficoltà riscontrate dai ragazzi a trovare un impiego, soprattutto se continuativo nel tempo.
Per superare la crisi occupazionale, molti giovani hanno deciso così di tentare la strada della autoimprenditorialità. Secondo il Censis, in Italia ci sono 914 mila lavoratori autonomi d’età compresa tra i 20 e i 34 anni: il numero più alto tra i nostri principali partner europei. In Germania e in Gran Bretagna, ad esempio, ce ne sono rispettivamente 528 e 849 mila.
Un lavoratore autonomo non è immune alle difficoltà della crisi economica. Anzi. Secondo uno studio di Confesercenti, rispetto ai lavoratori dipendenti, gli autonomi sono coloro che in proporzione hanno pagato il prezzo più caro, in termini di posti di lavoro persi tra il 2007 e il 2014.
Non tutti i giovani hanno la possibilità di seguire la strada dell’autoimprenditorialità, però. A questi non resta che continuare a cercare un impiego attraverso i canali tradizionali (società di ricerca del personale, portali di lavoro…), quelli informali (familiari, amici, parenti…) o partecipando a programmi come Garanzia Giovani, l’iniziativa europea che intende offrire una valida opportunità di lavoro o di formazione ai ragazzi d’età compresa tra i 15 e i 29 anni che non studiano né lavorano. I cosiddetti Neet.
Ad oggi, secondo i dati del ministero del Lavoro aggiornati al 4 dicembre, tra i 553.507 ragazzi presi in carico da Garanzia Giovani, quelli a cui è stata proposta almeno una misura del programma (apprendistato, tirocini, servizio civile, orientamento, formazione…) sono 239.531: circa 5.530 in più rispetto alla scorsa settimana, con un incremento del 12% nell’ultimo mese.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Fauci: «La mancanza di sincerità e di fatti è costata vite umane»

«La mancanza di sincerità e di fatti sul fronte della pandemia è costata molto probabilmente vite umane». Lo ha detto il virologo statunitense, Anthony Fauci,…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery Fund, Conte: «Ha una valenza trasformativa per il Paese»

«Questo piano ha una valenza trasformativa per il Paese». Lo avrebbe detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al termine dell’incontro con i sindacati sul…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Bankitalia: «Nel 2020 è cresciuta notevolmente la quota di imprese che usano lo smart working»

Nel 2020, complici le misure restrittive introdotte a causa dell’emergenza sanitaria, la quota delle imprese che hanno fatto ricorso allo smart working è cresciuta in…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’indice Rt è sceso a 0,97 dopo cinque settimane in aumento

Nel periodo compreso tra il 30 dicembre 2020 e il 12 gennaio 2021, l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,97 (range 0,85-1,11),…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia