Cresce la produzione industriale | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cresce la produzione industriale

industriaLa produzione industriale è un indicatore utile a testare lo stato di salute di un’economia. Dunque è da ritenere alquanto positivo il dato sulla produzione industriale italiana, molto più perché sopra le attese degli analisti. L’indice, infatti, secondo le rilevazioni Istat, è aumentato ad ottobre dello 0,5% rispetto al mese di settembre (prima era stata dello 0,2% su agosto). Su base annua il balzo è del 2,9%, mentre nella media del trimestre agosto-ottobre 2015 la produzione è cresciuta dello 0,2% rispetto al periodo precedente.
Insomma, almeno per il momento, sembrano più contenuti i timori riguardo il rallentamento delle economie emergenti, che pure qualche grattacapo nelle scorse settimane avevano procurato. Una preoccupazione che però non deve essere accantonata del tutto, osservando quanto registrato in Germania.
La prima economia dell’Eurozona già a settembre aveva evidenziato una flessione probabilmente “giustificata” proprio dal rallentamento dei mercati emergenti, che di fatto hanno condizionato l’andamento dell’export tedesco. A ottobre – dati diffusi qualche giorno fa – la produzione industriale è tornata a crescere, ma lievemente dello 0,2% (peraltro sotto le attese), mentre resta stabile sull’anno. Tuttavia gli osservatori non si dicono particolarmente preoccupati in quanto l’economia tedesca – sostenuta soprattutto negli anni della crisi dalle esportazioni – ha visto crescere la domanda interna (anche grazie ai minimi livelli di disoccupazione).
Ad ogni modo risultati positivi si osservano anche in Francia e nel Regno Unito. Nel primo caso la produzione industriale ha registrato un aumento dello 0,5% su base mensile e un aumento del 2,3% sull’anno. Nel secondo caso, invece, il progresso su base mensile è stato minimo (+0,1%), mentre a livello tendenziale l’incremento è dell’1,7% quando era stato dell’1,5% il mese precedente.
Tornando al dato italiano è opportuno sottolineare che in termini tendenziali la crescita della produzione industriale ha coinvolto tutti i comparti: i beni strumentali (+4,8%), i beni intermedi (+2,4%), i beni di consumo (+2,1%) e l’energia (+2,%). Nello specifico il principale maggiore aumento – trend ormai consolidato – è quello della fabbricazione di mezzi di trasporto (+23,9%). Molto bene anche la produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+15,8%). Le diminuzioni maggiori, rileva l’Istat, si osservano nei settori dell’attività estrattiva (-7,8%), delle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (-3,6%) e delle industrie alimentari, bevande e tabacco (-1,4%).

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, scontro tra l’Ue e AstraZeneca sui vaccini

Scontro tra Unione europea e AstraZeneca, l’agenzia farmaceutica con sede nel Regno Unito che ha sviluppato uno dei vaccini anti-Covid in collaborazione con l’università di…

27 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Giappone pronto ad estendere lo stato d’emergenza

Il governo giapponese è pronto ad estendere lo stato di emergenza se non si vedrà a breve una stabile diminuzione delle infezioni di coronavirus a…

27 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Mosca torna ad una vita normale

Mosca torna a vivere la normalità. Infatti, il sindaco Serghei Sobyanin, ha rimosso le ultime restrizioni imposte e ha spalancato di fatti le porte a…

27 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, negli Stati Uniti 142mila nuovi casi e 4mila decessi

Nelle ultime 24 ore negli Stati Uniti si sono registrati oltre 142mila casi di coronavirus e 4mila decessi.…

27 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia