Amnesty International: “Da Arabia Saudita disprezzo per i diritti umani” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Amnesty International: “Da Arabia Saudita disprezzo per i diritti umani”

Secondo Amnesty International, le autorità dell’Arabia Saudita hanno mostrato il loro profondo disprezzo per i diritti umani e la vita mettendo a morte in un solo giorno 47 prigionieri.
Tra coloro che sono stati messi a morte il 2 gennaio figura il noto leader religioso sciita Nimr Baqir al-Nimr, condannato a morte dal Tribunale penale speciale dopo un processo politico viziato da gravi irregolarità. A parte lo sceicco al-Nimr e altri tre attivisti sciiti, gli altri prigionieri messi a morte erano stati condannati per aver preso parte ad azioni terroristiche di al-Qaeda.
“Le autorità saudite hanno dichiarato che le esecuzioni servono a combattere il terrorismo e a garantire la sicurezza. Ma quella dello sceicco al-Nimr lascia intendere che la pena di morte in Arabia Saudita sia anche usata, con la scusa della lotta al terrorismo, per regolare i conti e stroncare il dissenso” – ha dichiarato Philip Luther, direttore del programma Medio Oriente e Africa del Nord di Amnesty International.Lo sceicco Nimr al-Nimr era un fervente critico del governo saudita. Era stato condannato a morte nel 2015, insieme ad altri sette attivisti, per aver preso parte nel 2011 a proteste anti-governative nella Provincia orientale, a maggioranza sciita, e aver chiesto riforme politiche.
“Il 2 gennaio in Arabia Saudita è stato un giorno di sangue, con 47 persone messe a morte, alcune delle quali chiaramente condannate al termine di processi gravemente irregolari. Eseguire condanne a morte a seguito di processi dalla dubbia equità è un atto mostruoso e irreversibile. Le autorità saudite devono dare ascolto alle crescenti critiche della comunità internazionale e porre termine a questa ondata di esecuzioni” – ha aggiunto Luther.
Tra le persone in attesa dell’esecuzione restano Ali al-Nimr, nipote dello sceicco al-Nimr, Abdullah al-Zaher e Dawood Hussein al-Maroon, tutti minorenni al momento dell’arresto, condannati a morte al termine di processi iniqui e dopo aver subito maltrattamenti e torture. “In primo luogo, le autorità saudite dovrebbero annullare la minaccia d’esecuzione nei confronti di persone condannate per reati commessi quando erano minorenni” – ha sottolineato Luther. Il diritto internazionale vieta l’uso della pena di morte nei confronti di chiunque sia condannato per reati commessi a un’età inferiore ai 18 anni.
L’Arabia Saudita è da tempo uno dei paesi che esegue più condanne a morte al mondo. Tra gennaio e novembre 2015, nel paese sono stati messi a morte almeno 151 prigionieri, il numero più alto dal 1995. In molti casi, gli imputati nei processi per reati che prevedono la pena di morte non hanno accesso a un avvocato e talvolta sono condannati sulla base di “confessioni” estorte coi maltrattamenti e con la tortura.

(fonte: Amnesty International)

 

Scrivi una replica

News

Germania, l’addio di Merkel: «Provo innanzitutto gratitudine»

Angela Merkel ha “salutato” la Germania. «Oggi provo innanzitutto gratitudine e umiltà di fronte all’incarico che così a lungo ho tenuto», ha detto alla cerimonia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Ancora nessun decesso per Omicron»

Secondo l’Oms al momento non si hanno informazioni su eventuali decessi legati alla nuova variante Omicron del Covid. Lo ha sottolineato oggi un portavoce dell’agenzia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, ok a provvedimento che evita lo shutdown

Il Congresso americano ha approvato il provvedimento che evita lo shutdown e finanzia il governo fino a febbraio. Dopo la Camera (che aveva approvato in…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2021 si prevede un aumento del Pil pari al 6,3% e nel 2022 del 4,7%”

“Nel biennio 2021-2022 si prevede una crescita sostenuta del Pil italiano (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo). L’aumento del Pil sarà determinato prevalentemente dal contributo della…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia