Consumi e turismo, l’anno parte in risalita | T-Mag | il magazine di Tecnè

Consumi e turismo, l’anno parte in risalita

shopping_acquistiNonostante le osservazioni dell’Eurostat, secondo cui l’Italia sta faticando più di altri paesi a recuperare le perdite causate dalla crisi economica (il riferimento è soprattutto alla produzione industriale, ancora indietro rispetto allo standard pre-crisi, e alla risalita dell’occupazione), alcuni indicatori sembrano tracciare un’inversione di rotta.
I consumi, ad esempio, sono tornati a salire nel 2015, seguendo il trend che già si era osservato verso la fine del 2014. Alla vigilia del periodo dei saldi – un test per misurare l’andamento dei consumi e la fiducia dei cittadini – l’ufficio Studi di Confcommercio prevede un giro d’affari pari a 5,4 miliardi di euro, per una spesa di 346 euro a famiglia. Cifre che comporteranno un incremento del 3% rispetto all’anno passato. Risulta in aumento anche il numero di consumatori: il 55% quest’anno contro il 51% del gennaio 2015.
“Le preferenze – spiega l’ufficio studi di Confcommercio – vanno, come da tradizione, ai capi di abbigliamento (94,1), calzature (72,8), accessori (30,7) e biancheria intima (26,4). In leggera flessione gli articoli sportivi (17,7) e i prodotti di pelletteria (17,5). Attendono i saldi per acquistare qualsiasi tipo di prodotto soprattutto le donne, i consumatori in età superiore ai 45 anni, residenti nelle grandi aree metropolitane e nelle regioni del Mezzogiorno, le famiglie”.
Ottimismo anche per quanto riguarda il turismo, che ha registrato dei miglioramenti durante le festività. Secondo le stime di Federalberghi, infatti, i vacanzieri sono cresciuti del 7,7% rispetto all’anno scorso e un ulteriore incremento dovrebbe avvenire per il ponte dell’Epifania (un aumento del 51%). A calare leggermente, però, sarà la spesa media.
Nel 35,6% dei casi gli italiani sceglieranno come alloggio la casa di parenti o amici nel 35,6 (rispetto al 41% di un anno fa). A seguire l’albergo con il 23,9% (24,4%). La durata media della vacanza, stima ancora Federalberghi, sarà di tre notti mentre la spesa si aggirerà sui 407 euro (leggermente in calo rispetto ai 414 euro del 2015), di cui 393 euro per chi rimane in Italia e 625 euro per chi si reca all’estero, che genereranno un giro d’affari di circa 494 milioni di euro (in flessione sull’anno dai 510 milioni del 2015).

 

Scrivi una replica

News

Germania, l’addio di Merkel: «Provo innanzitutto gratitudine»

Angela Merkel ha “salutato” la Germania. «Oggi provo innanzitutto gratitudine e umiltà di fronte all’incarico che così a lungo ho tenuto», ha detto alla cerimonia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Ancora nessun decesso per Omicron»

Secondo l’Oms al momento non si hanno informazioni su eventuali decessi legati alla nuova variante Omicron del Covid. Lo ha sottolineato oggi un portavoce dell’agenzia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, ok a provvedimento che evita lo shutdown

Il Congresso americano ha approvato il provvedimento che evita lo shutdown e finanzia il governo fino a febbraio. Dopo la Camera (che aveva approvato in…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2021 si prevede un aumento del Pil pari al 6,3% e nel 2022 del 4,7%”

“Nel biennio 2021-2022 si prevede una crescita sostenuta del Pil italiano (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo). L’aumento del Pil sarà determinato prevalentemente dal contributo della…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia