L’importanza degli investimenti diretti dall’estero | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’importanza degli investimenti diretti dall’estero

ImpreseLe ultime statistiche dell’ICE, l’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, sembrano confermare le recenti dichiarazioni del ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, secondo cui “l’Italia sta diventando, in misura crescente, un luogo dove è attraente investire”.
Nel corso del 2015, stando ai dati provvisori dell’ICE, gli investimenti diretti dall’estero (IDE) in Italia sono cresciuti del 50%, passando dai 21,9 miliardi del 2014 ai 30 miliardi di euro dello scorso anno.
Gli IDE si dividono principalmente in due categorie: le “aquisitions”, ovvero gli investimenti internazionali volti all’acquisizione di partecipazioni di controllo, paritarie o minoritarie in un’impresa estera, e gli investimenti “greenfield”, che puntano alla costituzione di una filiale all’estero. Quest’ultimi sono particolarmente importanti per un’economia, in quanto offrono un contributo decisivo per la creazione di nuovi posti di lavoro. Proprio come dimostrato dal caso italiano.
Delle 291 operazioni di investimento avvenute nel 2014 in Italia, 101 sono stati progetti greenfield che hanno consentito la creazione di ben 12 mila nuovi posti di lavoro.
Ma gli investimenti diretti esteri non offrono solo vantaggi prettamente occupazionali. A risentirne positivamente è il sistema nel suo complesso, che ha così la possibilità, grazie anche ad una maggiore interazione con realtà diverse, di migliorare le proprie competenze oltre a favorire la partecipazione delle imprese alle reti produttive internazionali.
Una volta confermati, i dati relativi al 2015 rappresenteranno una chiara inversione di tendenza rispetto al passato: storicamente il nostro Paese non ha mai attirato consistenti flussi di investimenti esteri diretti. Purtroppo. Come osservato qualche tempo fa da Procter&Gamble, dal 2000 al 2014 il nostro Paese ha attirato mediamente 16 miliardi di euro di IDE. Poca cosa rispetto ai 24 miliardi della Francia, ai 56 miliardi del Regno Unito e ai 35 miliardi della Germania.

 

Scrivi una replica

News

Germania, l’addio di Merkel: «Provo innanzitutto gratitudine»

Angela Merkel ha “salutato” la Germania. «Oggi provo innanzitutto gratitudine e umiltà di fronte all’incarico che così a lungo ho tenuto», ha detto alla cerimonia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Ancora nessun decesso per Omicron»

Secondo l’Oms al momento non si hanno informazioni su eventuali decessi legati alla nuova variante Omicron del Covid. Lo ha sottolineato oggi un portavoce dell’agenzia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, ok a provvedimento che evita lo shutdown

Il Congresso americano ha approvato il provvedimento che evita lo shutdown e finanzia il governo fino a febbraio. Dopo la Camera (che aveva approvato in…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2021 si prevede un aumento del Pil pari al 6,3% e nel 2022 del 4,7%”

“Nel biennio 2021-2022 si prevede una crescita sostenuta del Pil italiano (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo). L’aumento del Pil sarà determinato prevalentemente dal contributo della…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia